Il piano Reynolds

La Gazzetta dello Sport (M. Cecchini) – Ha vinto la Roma la concorrenza per Reynolds, e per due ordine di ragioni: 1) i buoni rapporti fra la famiglia Friedkin e quella Hunt, proprietaria dei Dallas; 2) la formula offerta dai giallorossi, che lo hanno voluto subito a Trigoria, mentre i bianconeri – privi di uno slot libero per extracomunitari – lo avrebbero girato al Benevento. In ogni caso Dallas incasserà 7milioni più il 15% su una eventuale futura rivendita, mentre alle commissioni penserà la Roma.

E adesso, probabilmente nel fine settimana, Reynolds potrà abbracciare l’universo giallorosso, avendo dovuto dribblare prima la positività al Covid (ha già due tamponi negativi, gli manca il terzo, poi partirà, via New York) e poi la normativa fiscale, da armonizzare fra quella statunitense e quella italiana, favorita ora dal Decreto Crescita. Il texano dovrà imparare l’italiano, scoprire una nuova alimentazione, assorbire una nuova preparazione e assimilare una nuova predisposizione tattica. Posizione del corpo, marcatura sull’uomo, copertura degli spazi, tempi di gioco, diagonali. Tutte qualità fondamentali nel calcio italiano. 

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A