Come cambierà il calcio dopo questa “guerra”

La prima guerra mondiale ha strappato il calcio alle élite per concederlo alle masse, e così è diventato popolare

di Redazione

La Gazzetta dello Sport (A. de Calò) – E’ arrivato il momento di pensare come sarà il calcio quando sarà terminata questa “guerra”, perché il Coronavirus sembra proprio questo. Ogni volta che è ripreso dopo un conflitto armato, prima di riprendere la sua corsa si è fermata rotolando nel solco. La prima guerra mondiale ha strappato il calcio alle élite per concederlo alle masse, e così è diventato popolare. La seconda invece ha cambiato il modo di giocarlo, importando in Italia il “sistema” grazie al Grande Torino. Questa pandemia paradossalmente potrebbe portare anche un po’ di buone abitudini: il divieto di sputare, le cinque sostituzioni, il divieto di protestare con l’arbitro.