Il Tornatora

Giorgio Rossi: “Stasera saluterò l’Olimpico, è il momento giusto per andare in pensione”

di Redazione

Giorgio Rossi, storico massaggiatore della Roma, intervenuto ai microfoni di Radio Radio ha ricordato alcuni nomi della sua storia nella società giallorossa che si concluderà stasera dopo 55 anni: “Già in pensione? Ho 81 anni, è il momento giusto, ho cominciato con Masetti, me li sono visti tutti. Ho lasciato anche perchè mia moglie sta poco bene e ha bisogno di assistenza. Dopo tutti questi anni di trasferte è ora che stia un pò a casa. Stasera vado all’Olimpico a salutare i tifosi. Alcune persone da ricordare? Aldair, De Rossi, Totti, Rizzitelli e Carboni. Con chi ho litigato? Con nessuno. Il più strano? Batistuta. L’allenatore più carismatico? Liedholm. Il presidente? In particolare Viola, Sensi, ma un pò tutti. Sacerdoti, che mi fece il primo contratto. Batistuta lo chiamavano tre pinze e una tenaglia. Pruzzo? Il verissimo bomber della Roma. Con Zeman avevo ottimi rapporti, lui faceva volare Totti a quell’epoca. La proprietà americana? Mi trovo bene anche con loro“.