Fonseca: “Sono i più forti in Europa in contropiede. Dzeko sarà convocato. Abbiamo capito che è importante non prendere gol”

Paulo Fonseca, tecnico della Roma, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della partita contro lo Shakhtar. Queste le sue parole:

Quali difficoltà si aspetta da questa partita?

Sono sicuro che sarà una partita difficile. Sono fortissimi e non possiamo dimenticare che in questa stagione hanno vinto due volte col Real, pareggiato con l’Inter. Questi giocatori sono che gli piacciono queste competizioni. Conosco bene la squadra, ma è molto forte, difende bene, sono molto corti e pericolosi in contropiede. Squadra più forte in contropiede in Europa. Dobbiamo fare una grande partita.

Dzeko convocato? Quanto è cambiato lo Shakhtar da quando è andato via?

Dzeko si è allenato, sarà convocato. Loro hanno un nuovo allenatore con le proprie idee. Ha cambiato il modulo, ora giocano 4-1-4-1. Ovviamente le intenzioni di questa squadra sono le intenzioni di questo allenatore che è molto forte. Lavora con le proprie idee. I giocatori sono gli stessi.

Villar giocherà? Può giocare insieme a Pellegrini?

Dovete aspettare domani per vedere. E’ una possibilità. Può giocare con Pellegrini, può Diawara con Villar e Diawara con Pellegrini.

Giocheranno Kumbulla, Mancini e Smalling? Oppure ci sarà Cristante?

Sarà questa o possiamo giocare con Cristante.

Nelle ultime 7 partite subiti 4 gol, nelle 7 precedenti 15. Che cosa è cambiato?

La squadra nelle ultime partite ha migliorato la difesa. Non parlo solo della linea difensiva ma di tutti. Abbiamo capito che è importante non prendere gol. Abbiamo migliorato una cosa importante. L’organizzazione di squadra è andata sempre bene, ma abbiamo migliorato gli errori nell’uscita veloce. Qui stiamo giocando in maniera più sicura.

Quali sono le principali differenze tra lo Shakhtar di Fonseca e quello di Castro?

Come ho detto Castro ha altre idee. Ha cambiato per esempio il modulo. Principalmente questo. Certo che se cambia modulo cambia le intenzioni di squadra. Questa è la principale differenza. Sta facendo molto bene.

Quanto l’esperienza allo Shakhtar l’aiuterà per domani?

Noi abbiamo pensato alla nostra strategia per affrontarli. No per affrontare il mio ex club. Questo è importante. E’ vero che conosco bene la squadra, ma anche loro mi conoscono bene. Abbiamo preparato la strategia in funzione di quello che loro fanno in questo momento, e non per quello che facevo io.

Gioca sempre con ex squadre, cosa significa? In Ucraina ci sarà il pubblico, vi siete abituati a giocare senza?

Non è una scelta mia (ride, ndr). Non mi piace affrontare una mia ex squadra. Se potevo scegliere non avrei giocato contro lo Shakhtar e non avrei giocato col Braga. Mi dispiace molto che domani non ci saranno i tifosi. Era importante per noi. Mi piace sempre giocare coi tifosi. Il calcio con i tifosi è totalmente diverso. Mi piace avere questa possibilità di giocare con i tifosi in Ucraina.

Come sta Ibanez?

Si è allenato negli ultimi due giorni, sarà convocato.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A