Il Tornatora

Fonseca riparte dal mercato

di Redazione

La risalita della Roma passa dal mercato che Petrachi completa al fotofinish con Smalling, Kalinic e Mkhitaryan. Due di questi sono titolari e sono i sostituti di Manolas ed El Shaarawy. Il lavoro di Fonseca avrà finalmente un senso dopo la chiusura del mercato e non riparte da zero ma quasi. Lo stile è inequivocabile: difesa alta, verticalizzazione continua e pressing collettivo. Contro la Lazio si sono visti gli accorgimenti dopo le tre reti prese dal Genoa ma la sua idea è rimasta quella di partenza: il 4-2-3-1 propositivo e comunque spregiudicato. La sosta aiuta il tecnico che si prepara a cambiare almeno un uomo per reparto inserendo, gradualmente, qualche nuovo. Mancini è stato titolare nel derby, Diawara ha esordito per 5 minuti e quindi va dunque dato per scontato l’inserimento di Smalling. Il giocatore della virata è Veretout che è il centrocampista di sostanza e interdizione fondamentale per l’equilibrio della Roma. La terza mossa da mettere in preventivo è in avanti che è Mkhitaryan. L’armeno lascia subito Trigoria per andare in nazionale, ma è da considerare pronto per prendersi la maglia avendo giocato anche domenica nel derby di Londra. Lo riporta Il Messaggero.