Fonseca: “La squadra ha accusato molto l’ultima sconfitta contro il Sassuolo. In questo momento abbiamo un problema emotivo” – VIDEO

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, è stato intervistato durante il post-partita di Roma-Bologna 2-3. Queste le sue parole:

FONSECA IN CONFERENZA STAMPA

C’è stata una piccola contestazione del pubblico. Può rasserenare i tifosi?
Io devo dire lo stesso di sempre. Questi tifosi sono fantastici. Nell’ultima partita contro il Sassuolo, nel secondo tempo, dopo che abbiamo preso tre gol, i tifosi sono sempre stati fantastici. E’ normale dopo una sconfitta in casa dopo quella col Sassuolo. Lo capisco il momento, non sono soddisfatto. I tifosi sono sempre con la squadra ed è normale che accada questo nel finale.

Quanto è preoccupato per questa serie di risultati?
Sono preoccupato per una questione di fiducia della squadra e dei giocatori. Abbiamo accusato molto la sconfitta col Sassuolo ed oggi la squadra è entrata poco tranquilla. E’ evidente che è successo. Anche il modo in cui abbiamo preso i tre gol è una situazione di poca tranquillità. Questa stagione abbiamo fatto grandi partite, se lo abbiamo fatto è perché abbiamo capacità. Ora è una questione mentale. Una squadra vincente non può accusare come noi la sconfitta col Sassuolo. Ho parlato coi giocatori prima della partita e gli ho detto che l’ultima cosa che voglio vedere è la paura. Io ho visto paura oggi in questa squadra. E’ l’ultima cosa che dobbiamo fare: giocare con paura. Di cosa? E’ difficile, devo lavorare sulla testa dei giocatori perché penso sia il principale problema.

Spal, Torino e Juventus. La Roma è andata in svantaggio ma ha reagito. Oggi è una questione di paura o che le squadre abbiano capito come gioca la Roma?
Noi conosciamo il modo di giocare di tutte le squadre, non è un problema per la squadra.

Perché ha scelto Santon e Kolarov contro Barrow e Orsolini?
E’ facile ora fare una relazione negativa dei giocatori. Io sono responsabile per la squadra ed è vero, oggi lo abbiamo visto che non c’è stata una grande prestazione di tutti i giocatori.

Perché ha sostituito Veretout e non Cristante?
Con un risultato negativo di 3-2 ho pensato che di far entrare Kalinic e che con Mkhitaryan il francese non era molto offensivo. Senza di lui c’era più libertà per Mkhitaryan per andare avanti, ma dopo Cristante è stato espulso. L’ho fatto per giocare in maniera più offensiva.

Bruno Peres è uno dei pochi brillanti. Se lo aspettava?
Sì. Bruno Peres è molto forte offensivamente, il suo problema è difensivo. Ci stiamo lavorando per farlo essere più equilibrato in attacco e in difesa. Lui è forte in attacco ora.

Ha parlato con Mihajlovic. Che vi siete detti?
Era la prima volta ed abbiamo parlato solo ad inizio partita. Non potevo avvicinarmi molto a lui, nella sua situazione fisica debole non si poteva far molto.

FONSECA A SKY SPORT

Perchè sta diventando irriconoscibile questa Roma?
La squadra ha accusato molto l’ultima sconfitta contro il Sassuolo e oggi abbiamo fatto una partita con poca sicurezza e con giocatori poco tranquilli. Dopo che abbiamo preso il secondo gol la squadra ha accusato questo momento, poi abbiamo avuto una reazione nel secondo tempo, ma dopo con espulsione è stata molto difficile. Devo dire che è un problema emotivo in questo momento e che abbiamo sbagliato molto difensivamente.

E’ arrivato il momento di cambiare realmente qualcosa nella squadra?
Vediamo, questo non è un momento facile dopo due sconfitte, ma io sono il responsabile per la squadra e devo pensare bene che possiamo cambiare e migliorare questo momento con equilibrio e devo dire che questa squadra ha fatto molte cose buone in questa stagione io credo che sia un fatto emotivo e che devo lavorare sui giocatori e devo far credere che possiamo fare molto molto meglio. Possiamo perdere o vincere, ma importante è che abbiamo coraggio di giocare e penso che oggi è un problema di tranquillità, devo pensare che fare per cambiare questo momento.

Abbiamo visto differenza tra pressing cattivo del Bologna e quello timido della sua squadra, dipende da mancanza di convinzione?
Quando la squadra sente che non è tranquilla e lascia spazio a Bologna è tutto un problema, non pressiamo come dobbiamo e anch’io penso che i gol che abbiamo preso li abbiamo presi uguali contro il Sassuolo. Sono questioni che possiamo fare molto meglio individualmente.

Ci sono stati molti errori individuali?
Non mi piace parlare di errori individuali perchè io sono responsabile per tutto quello che succede in una squadra, se vediamo il gol che abbiamo preso però sono molti 1 contro 1. Ma dobbiamo lavorare per cambiare questo, non è un dramma, ma con coraggio e lavoro possiamo cambiare questo momento.

La prestazione non è cosi cambiata dopo l’ingresso di giocatori caratterialmente forti…
Quando una squadra non sta bene fisicamente non reagisce come abbiamo fatto nella seconda parte contro il Sassuolo e anche oggi con un giocatore in meno. Onestamente non mi sembra che possa essere una questione fisica.

FONSECA A ROMA TV

Cosa è successo alla Roma?
E’ successo che la squadra ha accusato molto la sconfitta con il Sassuolo ed è stata poco tranquilla oggi. E’ una questione di fiducia, mentale. Dopo accadono gli errori. In questo momento è difficile capire perché abbiamo rimediato una sconfitta con il Sassuolo e abbiamo avuto questo comportamento non forte oggi.

Affrontare l’Atalanta può essere un bene o un male? La Roma può ritrovarsi in una partita difficile?
Sì, abbiamo una partita difficile come lo sono tutte. In questo momento sono più preoccupato di recuperare mentalmente la squadra per la prossima partita.

Problema mentale più che fisico?
Il problema mentale porta all’errore individuale.

Perché questo aspetto di debolezza? La Roma in questo campionato ha dimostrato di saper reagire, adesso sta durando molto questo disagio…
Prima della partita ho parlato con i giocatori dicendo che la cosa più importante di oggi era vedere una squadra con forte mentalità e con fiducia, ma non lo abbiamo visto. E’ stato questo il problema. La squadra ha fatto tante buone partite in questa stagione, anche per me è difficile spiegare perché la squadra sia in difficoltà in questo momento. Devo preparare la testa dei giocatori perché dobbiamo credere che questa squadra possa fare molto meglio.

In questo momento la difesa è in difficoltà…
Guarda come abbiamo preso gol oggi. E’ difficile da spiegare. Il secondo gol lo abbiamo preso in uno contro uno lasciando il giocatore da solo. E il terzo gol lo stesso, lasciamo il giocatore rientrare dentro e prendiamo gol. Come abbiamo preso i gol con il Sassuolo? Lo stesso. E’ una questione non tanto di organizzazione, ma individuale. Ci abbiamo lavorato molto in settimana, ma abbiamo sbagliato.

Ci sono stati tanti cambiamenti. Davanti un po’ meno, Dzeko è solo. Cos’è che non va con Kalinic? Cosa non gli piace di Kalinic?
E’ una questione di sistema. Mai abbiamo giocato con due attaccanti e cambiare la forma di gioco della squadra si può fare solo momentaneamente, come abbiamo fatto oggi. Sono comportamenti totalmente diversi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A