Corriere dello Sport (R.Maida) – La notizia migliore è una prospettiva. Alessandro Florenzi è quasi pronto e, se ci saranno le garanzie necessarie, verrà addirittura convocato per la prossima partita di campionato contro l’Inter. Sarebbe la prima chiamata a dieci mesi dall’infortunio di Reggio Emilia. In vista del debutto di Bergamo invece Di Francesco ha portato con sé 22 giocatori, compreso El Shaarawy che ha recuperato e dopo quattro allenamenti veri può rappresentare un’opzione a partita in corso.

BALLOTTAGGIO – Le scelte per s­fidare l’Atalanta sembrano fatte, con particolari attenzioni alla fascia destra dove Bruno Peres rischia di essere tartassato dalle percussioni del Papu Gomez. Di Francesco chiederà un lavoro extra a Defrel, uno dei nuovi acquisti che giocheranno di sicuro dal primo minuto, per assistere il compagno nella fase difensiva. Ma la Roma dovrà giocare di squadra una partita compatta, di equilibrio e intraprendenza, per superare il primo ostacolo della stagione. L’unico dubbio di formazione è in difesa, dove Juan Jesus è in vantaggio sull’altro mancino Moreno per affiancare Manolas. Per il resto Di Francesco è orientato a replicare il sistema di gioco e la formazione che più spesso ha provato durante l’estate. L’altro debuttante è Kolarov, che torna in Serie A a sette anni di distanza dal trasferimento al Manchester e occuperà la fascia sinistra.

COMITIVA – Per la prima trasferta stagionale si è mosso lo stato maggiore della Roma, inclusi i due nuovi dirigenti Totti e De Sanctis che hanno viaggiato con la squadra in compagnia di Baldissoni e Monchi. Evidentemente la società intende sostenere “­fisicamente” Di Francesco e i giocatori in una domenica che può dare un impulso molto importante alla stagione. Tifosi: si va oltre le mille presenze romaniste nel settore ospiti.