Il Messaggero (S.Riggio) – Sconfitto contro Napoli (3-0, 2 dicembre) e Juventus (1-0, 5 febbraio), Stefano Pioli non vuole di certo pagare dazio stasera a San Siro contro la Roma, in un altro scontro diretto che vale l’accesso alla Champions League. Tornare nell’Europa dei grandi è l’obiettivo di Suning, dal giugno scorso azionista di maggioranza del club di corso Vittorio Emanuele. L’Inter ci prova: 9 vittorie nelle ultime 10 partite di campionato, i nerazzurri cercano la più bella contro una squadra preparata e aggressiva come quella giallorossa. L’emergenza è in difesa: squalificato Miranda, Pioli ha cercato il sostituto del brasiliano per contrastare Dzeko, capocannoniere insieme a Higuain con 19 gol. La scelta è ricaduta sulla difesa a 3: Medel centrale con Murillo e D’Ambrosio. A centrocampo sugli esterni ci saranno uno tra Nagatomo e Ansaldi a sinistra con Candreva a destra. In mezzo spazio a Kondogbia e Gagliardini. In avanti rientra Icardi dalla squalifica (out 2 giornate per le offese all’arbitro Rizzoli al termine del match perso allo Juventus Stadium): con lui Perisic e Joao Mario. Il portoghese ha vinto il ballottaggio con Brozovic e Banega. «Mauro è un fuoriclasse, ci sarà molto utile anche se chi ha giocato al suo posto si è fatto trovare pronto. Ha grande voglia ed è molto determinato. Al di là dei gol fatti, è sempre decisivo per come si muove e per gli spazi che crea. È il nostro capitano», i complimenti di Pioli a Icardi ai microfoni di Premium Sport.

IL FUTURO – In casa Inter si lavora già per la prossima stagione. Suning non perde tempo: Zhang è volato a Madrid per incontrare Florentino Perez (fotografati a Valdebebas, quartiere generale del Real) e stasera sarà a San Siro. I due hanno parlato sia di diritti televisivi (secondo indiscrezioni Suning sarebbe interessato a quelli della Liga) sia di James Rodriguez. Il colombiano è da tempo nelle mire dei nerazzurri: non avendo molto spazio con Zinedine Zidane, il trequartista vorrebbe cambiare aria soprattutto per non perdere i mondiali di Russia 2018. Le alternative sono Berardi (ha rifiutato due volte la Juventus per la sua fede interista) e Bernardeschi.