Il Tornatora

Dzeko, prima la gioia, poi la rabbia: “Non può accadere questo…”

di Redazione

La fascia al braccio e la doppietta iniziale sembravano il preludio a un grande pomeriggio romanista. Come scrive il Corriere dello Sport, Edin Dzeko si è poi trovato però risucchiato dal secondo tempo inspiegabile della squadra. Queste le sue parole: “Quando sei 3-0 non puoi buttare via il vantaggio. Ok, l’Atalanta è una squadra forte ma noi siamo la Roma. È difficile capire come mai spesso la Roma si spenga. A un certo punto sembrava solo che stessimo aspettando i loro gol. Quando è così, il risultato è inevitabile. Nel secondo tempo non riuscivamo a fare due passaggi di fila, perdevamo tutti i duelli. Nelle partite ci vogliono qualità ma anche personalità, altrimenti non vai da nessuna parte“. Il centravanti bosniaco non perde comunque l’ottimismo: “Mi mancavano i gol. Adesso posso solo sperare che i prossimi quattro mesi siano migliori dei precedenti sei, perché voglio dare tutto me stesso alla Roma per conquistare il quarto posto. Ora ripartiamo subito a testa alta, perché anche la coppa è un obiettivo che ci interessa“.