Il Tornatora

Calciomercato: TEMPO RIMASTO 0.00

di Redazione

Walter Sabatini PR

Tra colpi, colpetti e colpacci più o meno annunciati, il calciomercato, dopo oltre due mesi ha ufficialmente chiuso i battenti. Da oggi fino al 1° gennaio il lavoro di dirigenti ed addetti ai lavori sarà tutto incentrato sull’analisi e lo studio delle proprie squadre con la speranza che gli acquisti fatti si rivelino vincenti.

Sotto la lente d’ingrandimento c’è il mercato della Roma. Per Walter Sabatini è stata un’estate davvero frenetica. Il dirigente giallorosso ha portato a termine molte operazioni, provvedendo sia a rinforzare la squadra, con alcuni ottimi innesti in reparti che erano scoperti, sia a salvaguardare conti societari, fatto che ha portato alla cessione di alcuni pezzi pregiati.

Sono due le cessioni più dolorose: Marquinhos al Psg e Lamela al Tottenham. Se per il primo l’offerta presentata dal club transalpino di oltre 30 milioni di euro era davvero irrinunciabile, poco si comprende la scelta di cedere il gioiello della nazionale argentina che è passato al club inglese, grazie anche alla sapiente mano di Franco Baldini, per una cifra totale di 35 milioni di euro. Fa meno male la cessione di Osvaldo, che a causa del suo carattere e di alcuni comportamenti sopra le righe, aveva ormai gran parte dell’ambiente contro di lui; in ogni caso anche la sua dipartita al Southampton ha fruttato 15 milioni di euro nelle casse societarie. Passando poi alle cessioni di seconda fascia ricordiamo quella del portierone olandese Stekelenburg al Fulham per quasi 6 milioni di euro, Tatchsidis e quella di Nico Lopez.

Per un calciatore che va c’è sempre (o quasi) un calciatore che arriva ed il ds Sabatini è stato molto attivo anche su questo fronte; fiore all’occhiello è stato l’acquisto di Kevin Strootman dal Psv per una cifra totale di 20 milioni di euro; il centrocampista olandese seguito dai più importanti club europei può definirsi il vero colpo di mercato della campagna di rafforzamento della Roma. E’ stata poi puntellata la difesa con l’arrivo di Benatia che è andato a ricoprire il vuoto lasciato da Marquinhos: il valore di questo trasferimento è di circa 14 milioni di euro. Il reparto arretrato è stato poi completato da Maicon, ad oggi una vera certezza, e da Morgan De Sanctis. Su precise indicazioni di Garcia è inoltre arrivato l’esterno offensivo Gervinho dall’Arsenal per 8 milioni di euro. Negli ultimi giorni di mercato poi è stato acquisito a titolo definitivo dalla Fiorentina il talento serbo Ljajic per soli 11 milioni di euro. Movimenti minori in entrata portano i nomi di Jedvaj, talentuoso difensore croato, Skorupski, portiere polacco e Di Mariano, gioiellino per la primavera di Alberto De Rossi.

In una valutazione a 360° la Roma dal punto di vista tecnico ha perso sicuramente qualcosa rispetto allo scorso anno, ma è andata ad acquisire quei valori che fino ad oggi gli erano sconosciuti, ossia grinta, tenacia, personalità e carattere e ad oggi con due vittorie nelle prime due uscite stagionali la scelta si è rivelata più che giusta…. se il buon giorno si vede dal mattino…

Umberto Ruggeri