Capitan Lollo, tacco e firma: c’è l’ok di Dan

Corriere dello Sport (G. D’Ubaldo) – Anche a Verona è stato il migliore in campo. Lorenzo Pellegrini aveva illuso la Roma, l’aveva portata in vantaggio alla fine del primo tempo con una giocata straordinaria, un gol di tacco, al volo, dopo aver avviato l’azione per il cross di Karsdorp.

È la sesta rete di questo felicissimo inizio di stagione a livello personale, non è servita a evitare la sconfitta, la prima dell’era Mourinho. È stato uno dei pochi a salvarsi. Pellegrini ha fatto le cose più importanti nella partita persa per un black out difensivo. Ma tutto questo non è bastato. Lorenzo ha lottato fino all’ultimo, come deve e sa fare un capitano, per evitare la sconfitta della Roma, ha cercato di accelerare le operazioni per la rimessa dal fondo del Verona, che nel finale cercava di perdere tempo.

Verona-Roma 3-2, le pagelle dei quotidiani: non basta il magic moment di Pellegrini, decisivi gli errori di Mancini. Abraham nervoso, il centrocampo non regge

Con il gol di ieri Pellegrini ha già stabilito anche il suo record realizzativo in trasferta con la maglia della Roma in Serie A. Il suo primato assoluto è cinque reti, con la maglia del Sassuolo nel 2016-17.

Oggi si apre una settimana che può essere importante per il rinnovo del contratto. È previsto infatti un nuovo incontro tra Tiago Pinto e gli agenti di Pellegrini per accorciare le distanze che ancora esistono e arrivare alla firma. Il dirigente portoghese si è confrontato con la proprietà, sia Dan che Ryan Friedkin, e ha avuto il via libera per alzare l’offerta, ora si attende che anche i procuratori del giocatore facciano un gesto di buona volontà.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti