Il Tornatora

Boniek: “La Roma può entrare nella corsa scudetto. Il Mondiale senza Italia è impoverito”

di Redazione

L’ex calciatore della Roma e attuale presidente della federazione polacca, Zibì Boniek, ha parlato ai microfoni de La Signora in Giallorosso, in onda su Tele Radio Stereo. Queste le sue parole:

Sei soddisfatto del sorteggio?
Sì, ma sono soddisfatto del fatto che partecipiamo. Sono stato due giorni in Russia, si sente il mondiale, i russi vogliono organizzare una bella competizione. Accettiamo i nostri avversari, Senegal, Colombia e Giappone, da tre continenti diversi. Il Senegal è una squadra concreta, non dimentichiamo che ha battuto la Francia. La Colombia è arrivata ai quarti negli ultimi due mondiali, il Giappone è ben organizzato e merita grande rispetto.

Qual è il girone più difficile?
Non ci sono squadre materasso, tutte quelle che sono li hanno dovuto vincere qualcosa. Tutti dicono che Panama è facile ma hanno superato gli Stati Uniti, significa che qualcosa devono saper fare.

Ti mancherà l’Italia?
Si è sentita la grande mancanza dell’Italia, che è sempre stata presente. Un mondiale senza Italia è sicuramente impoverito.

La Juventus ha giocato da provinciale contro il Napoli?
Mi ha deluso il Napoli, per 40 minuti dopo lo svantaggio sembrava una partita di palla a mano, passavano da destra a sinistra senza mai entrare in area. La Juventus ha difeso il risultato dopo il gol con molta calma. In queste partite vanno sfruttate al meglio le proprie armi.

Sarri ha parlato dei colori delle maglie…
E’ una cosa che gira da molti anni, si dice che per favorire gli sponsor si inventano cose strane. Una volta accendevi la tv e non serviva neanche legger il nome della squadra, oggi se non stai attento a chi tocca il pallone non sai nemmeno quali squadre sono in campo.

Da calciatore del Napoli come avresti preso le parole di Sarri su Higuain?
Sono contento di essere Boniek.

La Roma deve essere più contenta dei tre punti presi al Napoli o preoccupata dalla vittoria della Juventus?
Il pareggio sarebbe stato meglio, ma deve essere contenta che si sia accorciata la distanza dal Napoli. Un piccolo scudetto sarebbe essere tra i primi tre, il grande scudetto sarebbe vincere. Con questo risultato e recuperando la partita che rimane la Roma ha buone possibilità di entrare in corsa per lo scudetto.

Andare avanti in Champions può togliere qualcosa alla Roma?
No, è una sciocchezza che avere più impegni toglie energie. Più competizioni ci sono meglio è, il Real l’anno scorso ha fatto tutte le competizioni e ha vinto tutto. Il grande giocatore ha bisogno di grandi traguardi.