Il Tornatora

Baires, è febbre alta per De Rossi: «Al Boca arriva una leggenda»

di Redazione

«No podía terminarmi carrera sin jugar en Boca». Questa dichiarazione di Daniele De Rossi ha dominato l’apertura del quotidiano sportivo argentino “Ole” per l’intera giornata di ieri. I tifosi Xeneize sono letteralmente impazziti appena l’indiscrezione è diventata notizia certa. Daniele, infatti, sta aspettando che il club liberi la casella per gli stranieri e che il procuratore Sergio Berti risolva alcuni aspetti burocratici, prima di partire alla volta dell’Argentina dove lo aspetterà un’accoglienza straordinaria. Giornali, siti web, radio locali e social network non parlano d’altro se non dell’arrivo della «Leggenda romanista» che vestirà la maglia gialloblù per i prossimi 8 mesi, guadagnando “appena” 500mila euro. Daniele ha scelto di emozionarsi, di vivere River-Boca al Monumental, di lottare nella Libertadores per vincere il titolo e ritrovare quel calore che solo una città come Roma ha saputo regalargli. Emozioni che non hanno prezzo, perché il calcio in Argentina è vita e la passione che il popolo del Boca gli sta trasmettendo in queste ore non ha precedenti. De Rossi dovrebbe partire per Buenos Aires nel fine settimana, i tifosi accorreranno in massa per vederlo scendere dall’aereo ed è per questo che la società sta pensando di organizzare una presentazione in grande stile alla Bombonera. Una scelta coraggiosa che va a intaccare gli equilibri familiari, per questo ci sono voluti circa due mesi per decidere. Ad avere la meglio è stato l’istinto e i tifosi della Roma capiranno: gli hanno promesso che saranno sempre dalla sua parte. Lo riporta Il Messaggero.