Tor di Valle, il progetto stadio ruota tutto intorno a Vitek

Tutti spingono affinché Vitek prelevi i terreni da Eurnova e subentri a Parnasi, considerato in questo momento poco credibile da tutte le parti dopo le vicende giudiziarie

di Redazione

Corriere dello Sport (R. Maida) – Uno stadio sempre più internazionale. Il presidente del club americano, o Pallotta o Friedkin, l’investitore anche, il fondo York, il partner d’affari ceco, Vitek. Alla finestra 3000 e oltre giorni di ritardi burocratici e ostruzionismi, anche se le parole recenti del Sindaco Raggi sembrano mettere più sicurezza. Tutti spingono affinché Vitek prelevi i terreni da Eurnova e subentri a Parnasi, considerato in questo momento poco credibile da tutte le parti dopo le vicende giudiziarie. Si dovranno soddisfare anche le richieste di Papalia, precedente proprietario dei terreni, che da due anni attende i pagamenti dello stesso Parnasi diventato ormai insolvente. E’ chiaro che quando Vitek subentrerà a Parnasi tutte le procedure comunali si velocizzeranno, come filtra anche dalla maggioranza al Campidoglio. La convenzione urbanistica e la variante al piano regolatore sono ormai alle battute finali.