Il Tornatora

Veretout al centro della Roma

di Redazione

E’ arrivata l’ora di Veretout. Il centrocampista francese, rimasto in panchina per tutti e 180 i minuti delle sfide con Genoa e Lazio, è pronto a fare il suo debutto assoluto con la maglia della Roma, essendo stato fermato da un problema alla caviglia che non gli ha permesso di scendere in campo nelle amichevoli estive. Il ventiseienne arrivato dalla Fiorentina in prestito oneroso con obbligo di riscatto (è già scattata la condizione che al primo punto conquistato imponeva alla società guidata da Pallotta di versare 16 milioni di euro ai viola di Commisso) prenderà in mano la leadership del centrocampo, visto che probabilmente Pellegrini sarà costretto a giocare alle spalle di Dzeko. Con gli infortuni di Under e Perotti si sono ridotte le soluzioni offensive a disposizione di Fonseca, che deve anche far a meno di Zappacosta nel ruolo di terzino destro, bloccando Florenzi sulla linea difensiva senza poterlo avanzare sul fronte d’attacco. La presumibile scelta del tecnico portoghese sarà quindi quella di inserire Veretout dal primo minuto contro il Sassuolo, per una mediana che con tutta probabilità vedrà pure la presenza di Cristante, costretto a dare forfait per gli impegni dell’Italia a causa della febbre. L’auspicio dell’allenatore è che questa piccola variazione tattica, che dovrebbe prevedere una trequarti completata Zaniolo a destra e uno tra Mkhitaryan e Kluivert a sinistra, regali alla Roma maggiore equilibrio in fase difensiva e una migliore circolazione e gestione del possesso palla. Pure Diawara e Pastore sperano di guadagnarsi una maglia da titolare, ma al momento partono dietro. Guardando al campo oggi i giallorossi osserveranno il secondo giorno di riposo concesso da Fonseca, che ha fissato per domani pomeriggio la ripresa degli allenamenti e soltanto da mercoledì avrà il gruppo al completo. Sabato di lavoro per il Sassuolo di De Zerbi: out Bourabia e Rogerio, martedì la prima seduta in vista della sfida contro la Roma. Lo riporta Il Tempo.