Il Tornatora

Sveglia Roma. L’ex Paulo Sergio critico con il club: «Subito il bomber e basta rivoluzioni»

di Redazione

Paulo Sergio, ex giocatore della Roma, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano Leggo. Queste le sue parole:

Le piace la nuova creatura di Paulo Fonseca?
«Proprio la scorsa settimana mi sono visto con Aldair e abbiamo avuto modo di parlarne. E’ una fase particolare del club, soprattutto dopo l’ultima stagione vissuta in modo piuttosto altalenante. La società vuole fare una squadra giovane, ma non so se sia davvero il momento giusto per realizzarla».

Perché?
«Ci sono squadre come Juventus, Napoli e Inter che si sono rafforzate. Potrebbe essere un anno un po’ complicato per i giallorossi».

Nella Roma, a oggi, sono rimasti soltanto due brasiliani: Juan Jesus e Fuzato, pochini rispetto ai suoi tempi. Sorpreso?
«Rispetto a quando giocavo, il mondo del pallone è cambiato parecchio. Prima c’erano profili di altissimo livello e i club, certamente non tutti, avevano più possibilità d’ingaggiarli. Ora i costi sono lievitati e la qualità, purtroppo, non sempre ha camminato di pari passo».

Se arrivasse Douglas Costa per sostituire El Shaarawy?
«Magari. Ha esperienza, nonostante al Bayern Monaco sia rimasto un po’ strozzato dalla presenza di Ribery e Robben. Avrebbe dovuto pazientare maggiormente e aspettare il suo momento. Con la Juventus si è rifatto e ha maturato pure la giusta conoscenza del campionato italiano. Mi piace, può fare bene alla Roma. A una condizione: deve giocare con continuità. Più sta in campo, meno tempo ha per tutto il resto…».