Strani evasori: la Figc non paga l’Imu a Coverciano da dieci anni

Il Fatto Quotidiano (L. Vendemiale) – Coverciano è la casa della Nazionale, il luogo simbolo del calcio italiano. Ma è anche un centro all’avanguardia –8 ettari di terreno, 6 campi da calcio, 2 da tennis, palestra e piscina, auditorium e museo, hotel e ristorante – dove si fa di tutto. Attività sportiva ma anche quella commerciale. Su questo gioiellino, da oltre dieci anni la FederCalcio non paga l’Imu: deve un milione di euro al Comune di Firenze. Lo ha scoperto Report. C’è un contenzioso che va avanti da anni o forse solo il tentativo del pallone di reclamare un altro privilegio: non versare quanto dovuto per il suo immobile. E che immobile. È dal 2007 che il Comune notifica inutilmente avvisi e accertamenti per la quota di Imu, che nelle ultime annualità contestate ammonta a circa 120 mila euro.

La Federazione si considera esente: è un’associazione privata, che però svolge un’importante funzione pubblica, promuove il movimento. A Coverciano si fa solo sport, niente fini di lucro, quindi niente Imu. C’è un problema, però. Il centro non è di proprietà della Figc, che lo utilizza, ma di FederCalcio srl, la sua società di servizi. Ma, soprattutto, a Coverciano non si fa solo attività sportiva, ma anche commerciale. Le sentenze di condanna al pagamento non si contano più: tre in primo grado, due in appello, si attende la Cassazione. Dopo che Report ha scoperto la notizia, la Federazione ha provato a chiudere la partita col Comune ma nemmeno stavolta si è trovato l’accordo. “Al momento non siamo tenuti a pagare, e quindi non paghiamo”, conclude il presidente Gravina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A