Il Tornatora

Corriere dello Sport – Roma, Stekelenburg c’è

di Redazione

De Rossi, Burdisso, Pja­nic, Kjaer e Osvaldo. Sono loro i cinque nazionali di cui la Roma dovrà fare ancora a meno, da do­mani, alla ripresa degli allena­menti. Erano sette inizialmente, ma prima Stekelenburg perché non si sentiva ancora pronto, e poi Borini, perché nel primo impegno con l’Under 21 è stato espulso, hanno lasciato le loro rappresen­tative. (…)
VALUTAZIONI – Le va­lutazioni da fare ri­guarderanno gli al­tri cinque, quelli an­cora in giro, che tor­neranno tra merco­ledì a venerdì a Ro­ma. Non è una novità il fatto che Luis Enrique punta molto sul lavoro set­timanale per la scelta della forma­zione da mandare in campo. Cioè: se qualcuno di questi dovesse effet­tuare poche sedute per intero, una per esempio, probabile che il tecnico decida di scegliere altre soluzioni. Ma, meglio chiarirlo subito, ci sono nomi che di rischi di finire fuori ne corrono davvero pochi.
CERTEZZE – Difficile immaginare una Roma senza De Rossi in que­sto momento. E lo diciamo con tutto il rispetto per gli altri cen­trocampisti della rosa gialloros­sa. il felling con Luis Enrique è ottimo e le prestazioni del media­no ora in azzurro sono a dir poco impressionanti. (…) Un po’ lo stesso discorso che riguarda Pjanic. An­che perché con Gago e Greco che hanno ripreso da poco e Perrotta out, a centrocampo le alternative, Simplicio a parte, non è che siano poi tantissime. A proposito di Pja­nic, per il gol segnato con la na­zionale la Roma si è complimen­tata su Facebook: « Nelle gare inter­nazionali a segno il nostro Pjanic con un gran gol nel 5-0 della Bosnia- Erze­govina contro il Lussemburgo. Complimenti Mira­lem! » . Anche per Osvaldo, che sta at­traversando un momento partico­larmente positivo, se pure Prandelli decidesse di lan­ciarlo, difficile im­maginare il non impiego nel derby.
DIFESA – Un discorso a parte meri­tano i due difensori centrali, Bur­disso e Kjaer. Un ballottaggio tra i due ci sarebbe già potuto essere in condizioni normali. La Lazio lì davanti ha Klose, servono centi­metri per contrastarlo. Bisognerà vedere come il danese e l’argenti­no torneranno dai loro impegni. Partendo dal presupposto che l’altro titolare sia Heinze. In quel­la zona quest’anno la Roma ha grande scelta e può ruotare i pro­tagonisti. Quesito: e se fosse arri­vata l’ora di Juan?
Corriere dello Sport – Alberto Ghiacci