Il Tornatora

Spinazzola: “Le big volano? Dateci tempo, la Roma crescerà”

di Redazione

Leonardo Spinazzola incrocia le dita e si gode il ritorno in Nazionale con una precisazione che sa tanto di messaggio a Fonseca: «Se gioco a sinistra da tutta la vita c’è un motivo. Mi trovo meglio lì: se devo giocare a destra lo faccio, ma il mio calcio cambia. E’ questione di abitudine: posizione del corpo, coordinazione. Ci vuole pazienza perché so che nella Roma c’è Kolarov che è fortissimo». Proprio a sinistra il terzino potrebbe tornare a giocare dal 1′ pure in azzurro visto l’infortunio di Emerson Palmieri che a Roma ha lasciato parecchi rimpianti. L’inizio stagione di Spinazzola non è stato esaltante a causa di un infortunio muscolare che gli ha impedito di giocare il derby. Poi il rientro tra luci e ombre emerse soprattutto nelle ultime due sfide a Wolfsberger e Cagliari. Leonardo, a cui non manca mai il sorriso sulla faccia, è ottimista: «Distacco dalle big? Siamo tutti lì, è normale che la Juve abbia ancora qualcosa in più. La Roma ha cambiato allenatore, tanti giocatori, ha una nuova visione del calcio: Fonseca è un allenatore che crea tante aspettative, anche dentro lo spogliatoio. Mi piace, è positivo». Meno positivo è il dato sui gol fatti dalla Roma (Dzeko a parte) soprattutto nelle ultime settimane. Ma Spinazzola spiega: «E’ un dato fine a se stesso: nelle ultime partite abbiamo creato tantissimo e raccolto poco. A volte tiri tanto e fai a malapena un gol, e pure fortunato, come è successo con il mio in EuropaLeague. Ma c’è tanto tempo per risalire». Lo riporta Leggo.