Pagine Romaniste (L.Fantoni) – In 25 minuti Caputo si è trasformato in Suarez, Berardi in Messi e Djuricic in Rakitic. La Roma gioca una partita al limite del vergognoso e fa sembrare i giocatori del Sassuolo degli extraterrestri. Male Pau Lopez ancora una volta ma anche peggio Mancini e Cristante che sembrano scesi in campo con la testa da un’altra parte. Con questa pesantissima sconfitta i giallorossi rischiano di essere sorpassati dall’Atalanta al quarto posto e potrebbero finire addirittura a -13 dalla Lazio se i biancocelesti vincessero le gare contro Spal e Verona. Prospettive terrificanti.

ROMA

PAU LOPEZ: 5.5 Sul primo gol potrebbe uscire e arrivare prima di Caputo sul pallone ma decide di non farlo e poi prende il gol. Subito dopo un’altra indecisione su un’azione di Obiang. Non commette errori come quello del derby ma sembra mancare di sicurezza.

SANTON: 5.5 In fase di spinta è completamente innocuo. Fonseca gli chiede di fare il terzo centrale quando la Roma imposta ma stare così basso è troppo. Rischia seriamente di farsi espelle e se l’allenatore portoghese non lo togliesse a inizio ripresa non avrebbe quasi sicuramente fino la partita.

SMALLING: 6 Nel naufragio totale della difesa romanista, l’inglese è forse l’unico a salvarsi. Deve mettere le pezze anche a tutti gli errori di Mancini ma non è facile. Fa quel che può.

MANCINI: 4 Facciamo finta che questa serata non sia mai esistita. Sul primo gol fa l’unica cosa che un difensore non dovrebbe fare, andare con il sedere per terra. Sul secondo ripiega troppo verso la porta e lascia libero Caputo. Sul terzo sbaglia il lancio e poi tiene tutti in gioco. Sul quarto si fa saltare da Boga come se fosse un birillo. Prende 4 come gli errori decisivi.

SPINAZZOLA: 6 Continua sulla scia delle buone prestazioni dopo il passaggio saltato all’Inter. Non brilla certo come le scorse partite ma è uno dei pochi a salvarsi. Sulla sinistra è uno dei più pericolosi e questo è tutto dire.

VERETOUT: 6 Vince per distacco il confronto con il suo compagno di reparto. Segna il rigore con freddezza e in mezzo al campo cerca di dare atletismo con risultati alterni. Sbaglia anche lui il posizionamento nel passaggio di Berardi per Djuricic sul gol.

CRISTANTE: 4 Forma la coppia horror della serata insieme a Mancini. Sul secondo gol non riesce a fare fallo su Djuricic mentre sul terzo perde il contrasto aereo. Nel mezzo tantissimi errori in fase d’impostazione e un apporto quasi nullo davanti. Deve riattaccare la spina che ha staccato dopo l’infortunio.

UNDER: 6 Inizia la partita con vivacità, risultando il più pericoloso nella sterile fase offensiva giallorossa. Alla distanza si spegne ma probabilmente non era lui quello da dover cambiare nei tre dietro a Dzeko.

PELLEGRINI: 4.5 Qualcuno lo ha visto in campo? Non basta il cross per il gol di Dzeko per riscattare una prestazione totalmente anonima e, anzi, caratterizzata da molti sbagli sia in fase di tiro che di passaggio, oltre all’espulsione che, seppur esagerata, gli fa saltare la prossima e lo mantiene anche in diffida. Non è neppure la prima di queste ultime settimane. L’inizio del 2020 non ha sorriso

KLUIVERT: 5 Fumoso, come in tutte le altre apparizioni di questo inizio anno. Non riesce ad azzeccare un dribbling in tutta la partita e non si capisce come possa restare in campo a discapito di Under.

DZEKO: 6 La prima da Capitano non è la migliore delle partite. Nel primo tempo gli arrivano probabilmente due palloni di numero. Nella ripresa viene servito meglio e riesce anche a segnare. Predica nel deserto.

BRUNO PERES (Dal 45′): 6 Due buone diagonali in chiusura con i giocatori del Sassuolo lanciati verso la porta. forse è uno di quelli che ci mette più voglia.

CARLES PEREZ (Dal 66′): S.V. Ha toccato qualche pallone?

VILLAR (Dal 80′): S.V. Poco tempo per il giovane spagnolo ma qualche passaggio semplice gli riesce e nella giornata di oggi non è una cosa così scontata.

ALL.FONSECA: 5 Tre gol in 25 minuti contro il Sassuolo non sono accettabili. Toglie Under al secondo tempo quando Pellegrini e Kluivert stavano giocando decisamente peggio. Peggior prestazione stagionale per la sua Roma.