Il Tornatora

Perotti: “Ci aspettavamo di avere più punti. Sbagliato mettere in discussione l’allenatore. Bisogna migliorare” – VIDEO

di Redazione

Diego Perotti, attaccante della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport in vista del match di domenica alle 15 contro il Bologna. Queste le parole dell’argentino, che probabilmente partirà dal primo minuto contro i felsinei:

Che momento state vivendo?
Sicuramente ci aspettavamo di avere più punti e fare un gioco un po’ più vistoso di quello che stiamo facendo, però se dobbiamo vedere qualcosa di buono c’è ancora tempo per migliorare, quando poi ci sono le partite non avremo tanto tempo come adesso, già da domenica dobbiamo ritrovare la vittoria e noi stessi. Dobbiamo sapere che se facciamo quello che sappiamo e dobbiamo fare le vittorie devono arrivare per forza, come fatto l’anno scorso.

E’cambiato qualcosa con Di Francesco?
Si sa che nel calcio la soluzione più facile è dare la colpa all’allenatore o cacciarlo via, non si possono cacciare 25-30 giocatori, ma non è giusto mandarlo via. L’anno scorso siamo arrivati in semifinale di Champions con quasi tutti gli stessi giocatori di adesso, tranne qualcuno che è andato via, c’era lo stesso allenatore. Non possono succedere cose così diverse o cambiare tanto dopo 2-3 mesi, non siamo diventati la peggior squadre come sembriamo, l’anno scorso eravamo i migliori. Penso che il rapporto con l’allenatore non sia cambiato, è lo stesso, il rispetto e la voglia di fare bene c’è da parte nostra e da parte dello staff.

Come si esce da questo momento?
Purtroppo non abbiamo una risposta chiara, io ho sempre pensato che se ce l’avessimo avuta l’avremmo messa subito in campo. Abbiamo provato a modificare qualcosa, ma non è solo una cosa da migliorare, ne vanno migliorate tante, sempre cominciando da noi giocatori, che siamo quelli che scendono in campo. Ti puoi allenare tanto in settimana, ma se poi in campo non fai quello per cui hai lavorato diventa dura. Dobbiamo essere consapevoli che la risposta la dobbiamo dare in campo.

GUARDA IL VIDEO