Corriere dello Sport (R.Maida) – E’ tornato a casa dopo due anni di distanze e speranze, più grande e più forte. Emozionatissimo, a metà di una mattinata di cielo grigio Lorenzo Pellegrini ha varcato di nuovo il cancello di Trigoria per mettere la firma sul contratto che è anche un sogno. Giocherà nella Roma, la squadra che ha amato e che lo ha allevato, pochi chilometri dalla sua Cinecittà e dalla famiglia, dopo l’esperienza nel Sassuolo che lo ha lanciato dalla Serie A alla Nazionale, passando per un Europeo Under 21 che ne ha consacrato la qualità e la personalità anche a livello internazionale.

DETTAGLI – Alla Roma è costato 10 milioni, come da accordi di valorizzazione stipulati con il Sassuolo, ma resta un investimento dal rendimento sicuro perché già oggi, a 21 anni, Pellegrini vale tre volte tanto. Monchi lo ha convinto con uno stipendio a salire per cinque stagioni fino a 2 milioni netti, meno di quanto avrebbe guadagnato alla Juventus o al Milan, ma come è noto al cuore non si comanda. Pellegrini ha scelto la maglia numero 7 lasciata libera da Grenier visto che la “sua” 6 era di proprietà dell’idolo Strootman.

FELICITA’ – «Era quello che volevo. Lo desideravo da due anni. Ringrazio la Roma per avermi riportato nel posto in cui sono cresciuto. Provo una sensazione incredibile, indescrivibile» ha detto Pellegrini subito dopo l’ufficializzazione dell’accordo con il Sassuolo. Soddisfatto anche Monchi, che non ha avuto dubbi nel (ri)comprarlo anche prima di ingaggiare Eusebio Di Francesco. «Siamo sicuri che Lorenzo continuerà con noi il processo di crescita che ha cominciato nelle due stagioni al Sassuolo» ha detto il dirigente.

CLAUSOLA – Per arrivare all’intesa è stato necessario inserire una clausola rescissoria, che però ha un valore variabile in base al rendimento. A seconda del numero di gol, presenze e trofei, insomma, la base iniziale da 25 milioni salirebbe, tutelando la Roma che non intende perdere a prezzi di saldo un prodotto home made. Del resto Pellegrini, che ha scelto i colori che ama, non è tornato per trascorrere uno o due anni di transizione ma per vivere il più possibile con la maglia della Roma addosso.

USA – Adesso il ragazzo si riposerà per un paio di settimane dopo l’Europeo Under 21. Salterà dunque il ritiro di Pinzolo per aggregarsi a compagni vecchi e nuovi il 16 luglio per la tournée americana.