Corriere dello Sport (R. Maida) – Il blocco della trattativa tra Dan Friedkin e James Pallotta ha cambiato tutti i piani gestionali in casa Roma. La dirigenza ora è chiamata un’altra volta a fare i conti con un bilancio in perdita, con i soliti obiettivi: abbassare i costi, fare plusvalenze e provare allo stesso tempo a garantire la competitività sportiva. Un grande aiuto per il club capitolino potrebbe arrivare dal campo: se Fonseca riuscirà nell’impresa di superare l’Atalanta e centrare un posto in Champions League, il futuro apparirà meno complesso. Un’altra partita fondamentale, intanto, si gioca sul fronte stadio. Vitek sembra vicino all’acquisto dei terreni di Tor di Valle, spingendo la Raggi ad aprire i cancelli dell’impianto romanista. Lo stadio di proprietà aumenterebbe il prezzo della società, tornando a cifre ritenute accettabili da Pallotta e soci, a quel punto si potrebbe ricominciare a trattare con Friedkin o addirittura ascoltare le proposte di nuovi investitori.