Ora Smalling è pronto a far crescere anche i suoi fratellini

L'inglese è tornato per essere leader: "Ma qui ce ne sono tanti, siamo forti"

di Redazione

La Gazzetta dello Sport (A.Pugliese) – Smalling è certo di una cosa: “Con un anno di esperienza in più, sono convinto che la squadra si più forte di quella della scorsa stagione. E io non vedo l’ora di iniziare“. La stessa voglia che la Roma aveva per vederelo di nuovo a Trigoria. Smalling per la dirigenza è qualcosa di più, uno che sposta le cose e che fa crescere chi gli gioca al suo fianco. E’ stata una mossa importante riportarlo a Roma anche perchè ci sono tre centrali tutti molto giovani. “Le grandi squadre hanno bisogno di avere dei leader in campo e nella Roma ce ne sono molti. Leader che devono aiutare la squadra dentro il campo, come ho fatto anche io nello scorso anno, ma anche fuori, cosa che voglio riuscire a fare al più presto. Anche per questo mi sono ripromesso di migliorare il mio italiano“. L’obiettivo di Smalling è essere pronto domenica prossima contro il Benevento: “L’accoglienza dei tifosi all’aeroporto mi ha dato delle sensazioni uniche“. Il difensore sarà importante per la crescita anche di altri giovani e tra questi c’è Borja Mayoral: “Avevo molta voglia di venire. In estate ho ricevuto molto offerte, ma quella della Roma mi ha attirato subito“. Poi il passaggio su Dzeko: “Possiamo anche convivere. Siamo due attaccanti differenti che si completano”.