Walter Sabatini, il direttore sportivo della Roma, sa fare benissimo il suo mestiere. Se avesse bisogno di un aiuto, però, ha già un aiutante in casa: Erik Manuel Lamela. In un’intervista rilasciata al giornale argentino Revista 1986, una piccola Bibbia sul River Plate, il fantasista giallorosso si è vestito da scopritore di talenti: “Sarei felice di vedere alla Roma insieme a me Lucas Ocampos e Adrian Cirigliano. Sono fortissimi e, di sicuro, diventeranno dei crack anche in Europa. Più argentini siamo alla Roma e meglio è, saremmo un bel trio”. Questa anticipazione è stata rilasciata dal giornalista Sebastiàn Srur sul suo account twitter (@Sebasrur) e conferma come l’acquisto di Lamela a giugno abbia aperto un canale privilegiato tra la Roma e il club argentino, che sta cercando di risalire dalla serie B dove è precipitato la stagione scorsa. Un crollo che ha costretto la dirigenza a vendere alcuni dei pezzi migliori, tra i quali appunto Lamela.

Cirigliano, 20 anni, è un centrocampista di prospettiva, ma è Ocampos il giocatore sul quale si sono concentrati gli occhi di mezza Europa. Attaccante di grande fisico (183 centimetri per 82 chili) e di ottima tecnica, Ocampos è stato lanciato in pianta stabile tra i titolari dall’allenatore Mathias Almeyda, ex Lazio e Parma. Il giovanissimo Lucas ha già collezionato 27 presenze (tutte da titolare) e 6 gol in campionato. Ma non ci sono solo gli stranieri (oltre agli argentini piace molto Lazar Markovic, diciottenne centrocampista offensivo del Partizan, 21 presenze e 6 gol) nel futuro della Roma. Sono tanti i giocatori che la società giallorossa ha dato in prestito tra A, B e C che potrebbero tornare alla base o entrare in scambi di mercato. Il più pronto è sicuramente Alessandro Florenzi, 21 anni, ex capitano della Primavera campione d’Italia, rivelazione del campionato di serie B con la maglia del Crotone. Florenzi ha giocato 27 partite e segnato 10 gol, senza tirare rigori. Un rendimento che lo ha fatto diventare un punto di riferimento anche per l’Under 21 e proprio il c.t. Ciro Ferrara, in veste di commentatore della giornata di Champions League su Sky, gli ha fatto mercoledì sera il miglior complimento possibile: “Un giovane dei miei su cui mi sento di scommettere? Dico Florenzi, perché è un ragazzo serio, capace di giocare in molti ruoli del centrocampo, sempre a disposizione della squadra e con doti tecniche non comuni. Per me è stato una piacevolissima sorpresa”. E proprio a Lecce, dove la Roma sarà impegnata domani in una gara decisiva per la corsa al terzo posto e aimilioni della Champions League (“Parteciparci cambierebbe le nostre strategie”, ha detto Sabatini), c’è in prestito un altro prodotto della Primavera giallorossa, Andrea Bertolacci.

Viste le notizie che arrivano dal campo di allenamento di Trigoria — Pjanic ha svolto parte dell’allenamento con il gruppo ma poi si è fermato, Totti ha effettuato lavoro differenziato in palestra e fisioterapia e non partirà con la squadra per un affaticamento al polpaccio sinistro—c’è da credere che prima di diventare a tutti effetti aiutante del direttore sportivo, Lamela sarà chiamato a dare il suo contributo da trequartista, nell’attacco con Bojan e Osvaldo.

Corriere della Sera – Luca Valdiserri