Primavera, Nigro: “Una volta in partitella Kolarov quasi mi uccideva. De Rossi mi ha sempre dato consigli”

Il giovane primavera Gennaro Nigro si è raccontato in un'intervista al Corriere dello Sport

di Redazione

Corriere dello Sport (M. Basile) – Gennaro Nigro, giovane della Roma Primavera, si è raccontato in un’intervista. Tra gli argomenti trattati il suo arrivo nella Capitale. Ecco uno stralcio delle sue parole:

Come sei finito alla Roma?

Giocavo nella Sommerset Academy, legata alla Roma grazie alla proprietà americana. Il mio allenatore mi dissero che cercavano giocatori e mi mandò in prova insieme a un mio compagno portiere, Unter Pinho. Una settimana di allenamenti e partitelle e tornammo a casa.

Nella lettura del gioco, chi ti aiuta?

Sicuramente Kolarov. In una partitella lui faceva il terzino e io il difensore centrale, avevo sbagliato e mi aveva corretto. Poi avevo ripetuto l’errore e lì quasi mi uccideva. Poi avevo fatto bene ed è venuto ad abbracciarmi.

Altri giocatori preziosi per te?

Daniele De Rossi l’anno scorso, lui mi ha sempre dato consigli. Se facevo qualcosa bene mi diceva dai, continua. Quando sbagliavo mi rincuorava, mi diceva che lui sbagliava novantanove volte su cento