Il Tornatora

Mr. Wolf, sindaco ombra e le riunioni decisive nel suo ufficio: metteva becco su tutto

di Redazione

Il costruttore Luca Parnasi aveva ribbattezzato il superavvocato Luca Lanzalone, Mister Wolf (lo spiccia-problemi di Pulp Fiction). Qualche ex dirigente capitolino, chiedendo un comprensibile anonimato, si spinge a sostenere che «Lanzalone era il vero sindaco di Roma», tanto che nel suo ufficio all’Acea si facevano tutte le riunioni per il concordato dell’Atac e «in Comune lui metteva becco su tutto». Ma forse, riporta Il Corriere della Sera, questa volta si è spinto un po’ oltre, mettendo la faccia in troppi affari, esponendosi così alla gogna mediatica, oltre che a quella giudiziaria.