Mourinho: “C’è già un gran feeling”

Il Tempo (E. Zotti) – Un amore a prima vista. Quello sbocciato tra José Mourinho e i Friedkin, che hanno conquistato il portoghese coinvolgendolo nella gestione del futuro romanista: “Ho sentito una grande empatia con loro – le parole del tecnico intervistato dal conduttore James Cordenil modo in cui hanno approcciato con me e la conversazione che abbiamo avuto mi sono piaciuti molto. Non ho avuto solo la sensazione di lavorare per loro, ma di farlo con loro. È qualcosa che ho davvero apprezzato“.

Mou è consapevole del cambiamento radicale che sta stravolgendo il calcio, e ha scelto di accettare un progetto che prevede una crescita graduale senza investimenti per giocatori ultra trentenni con ingaggi stellari. Per questo si continua a lavorare sui nomi in linea con la nuova politica del club: Xhaka è sempre più vicino ma si continua a lavorare anche nell’affare Belotti.

Nel frattempo lo Special One non ha fretta di sbarcare nella Capitale – non arriverà prima del 20 giugno – e deve ancora scegliere la zona in cui cercare la casa che lo ospiterà nella sua avventura romana: “Non so ancora dove abiterò, inizierà a luglio e la Serie A comincia più tardi rispetto alla Premier League. Quando arriverò trascorrerò le prime due o tre settimane con la squadra. Passerò il primo periodo in ritiro o viaggiando“.Fase che conferma come il club stia prendendo in considerazione l’idea di svolgere parte della preparazione fuori da Trigoria.

Il suo obiettivo è conquistare un trofeo che nella bacheca del Fulvio Bernardini manca dal 2008. Per lui sarebbe il ventiseiesimo “e mezzo” in carriera: “Di titoli ne ho vinti 25 e mezzo, quello a metà è la finale che non ho giocato con il Tottenham. Avere la possibilità di vincere un trofeo con un club che non ne ha molti era un mio sogno“.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A