Il Tornatora

Mkhitaryan goleador al debutto: l’ultima volta era toccato a Kolarov. Primo guizzo per Cristante nel 2019

di Alessio Nardo

Pagine Romaniste (Alessio Nardo) – Tanto spettacolo e un filino d’ansia. La Roma “double face” prosegue il suo percorso in campionato, incontrando finalmente la vittoria. All’Olimpico il Sassuolo si sgretola in 33 minuti e non basta la reazione nel secondo tempo, culminata con la doppietta di Berardi. Dzeko e soci restano imbattuti dopo le prime tre giornate (non accadeva dal torneo 2016-2017, con Spalletti in panchina) e in generale prolungano a 12 la striscia di gare consecutive senza sconfitte. Ultimo ko il 31 marzo: 1-4 col Napoli.

Il Sassuolo conferma di essere “allergico” alla Roma: mai una vittoria in 13 incroci, 5 pari e 8 sconfitte. Per Roberto De Zerbi affrontare i giallorossi all’Olimpico è un incubo, con 4 batoste su 4 e ben 16 gol incassati (media perfetta di 4 a partita). La squadra di Paulo Fonseca si dimostra nuovamente ispirata in zona offensiva. Sono 8 le reti totali siglate in queste prime 3 giornate. Nel nuovo millennio solo tre volte era andata meglio, con 9 gol nei 270’ iniziali nel 2000-2001, nel 2003-2004 e nel 2016-2017. Al tempo stesso, la fase difensiva continua a non offrire adeguate garanzie. I gol subiti in tutto sono 6 (2 a partita). Mai così male dal 2012-2013, con Zeman alla guida. Anche all’epoca si partì con 6 reti al passivo nelle prime 3 gare. Peggio, dal 2000 ad oggi, solo nelle stagioni 2009-2010 e 2010-2011 con 7 centri incassati.

Quattro gioie per quattro marcatori diversi. Bryan Cristante segna il suo 5° gol con la Roma, primo nel 2019. Non colpiva infatti dal match di Parma del 29 dicembre 2018. L’ex atalantino è uno dei cinque elementi impiegati fin qui da Fonseca per gli interi 270’ disputati. Gli altri sono Pau Lopez, Fazio, Kolarov e Dzeko. Sono 89 i centri del bosniaco in giallorosso, gli ultimi 4 all’Olimpico contro Udinese, Juventus, Genoa e Sassuolo. In trasferta, il 9 di Sarajevo non colpisce dal 23 febbraio a Frosinone. Justin Kluivert sale a quota 3 con la Roma, 2 in Serie A (sempre in casa i precedenti sigilli, rifilati a Viktoria Plzen e Genoa) mentre Henrikh Mkhitaryan, debuttante in giallorosso al pari di Veretout e Spinazzola, bagna il suo esordio con il gol. L’ultimo romanista a riuscire nell’impresa era stato Kolarov, autore dell’1-0 esterno contro l’Atalanta nell’agosto 2017.