Manchester City – Roma, le pagelle

di Redazione

Champions_ManchesterCity_Roma

Ecco le pagelle di Manchester City – Roma 1-1:

Skorupski 6.5, Viene buttato nella mischia contro una delle squadre più forti d’Europa e mostra grande carattere. Nel primo tempo non tocca un pallone, complice il poco gioco che macinano i citizens, mentre nel secondo mostra poche differenze con il titolare De Sanctis.

Maicon 7, Inizia male trattenendo stupidamente Aguero in area provocando un rigore dubbio. Poi il fuoco: traversa ed altre 2 occasioni da gol provenienti dal suo lato. Il resto della partita unisce preziose cavalcate per far salire il baricentro della squadra a ottime coperture difensive su Silva. Dall’88’ Torosidis SV

Yanga Mbiwa 7, Mapou ha la tecnica di un portiere di Serie B ma si fa amare. Soffre Dzeko che fa il centroboa a protezione della palla, ma tra un gioco pericoloso ed un buon intervento il bilancio presenta zero errori.

Manolas 7, Marca una delle prime punte più forti del mondo e Pellegrini lo sostituisce dopo una prestazione sotto la media. C’è altro da aggiungere?

Cole 6.5, Approccia la partita perfettamente bilanciando le discese sulla fascia alla consapevolezza di difendere un pareggio preziosissimo. Decisamente meglio del Cole di inizio stagione.

Nainggolan 6.5, Non diresti mai che questo giocatore è alla sua seconda presenza in Champions League. Radja si trova davanti il centrocampista più pagato del mondo e lo limita al massimo delle sue possibilità. Termina una gara stremato dall’infinità di minuti che ha nelle gambe.

Keita 7, Movenza del divino Falcao mischiata alla completezza di un suo amico ivoriano che oggi gli gioca contro. La Roma schiaccia il City nella sua metà campo per tutto il primo tempo e Seydou, insieme a Pjanic, orchestra ottimamente questo possesso palla.

Pjanic 6, Genio e sregolatezza di un centrocampo che domina e soffre. Nel primo tempo unisce il palleggio dei suoi compagni di reparto alla magia del Capitano, ma perde dei palloni che in altre occasioni non avrebbe perso.

Gervinho 6, Non il Gervinho che siamo abituati a vedere ma c’era da aspettarselo. Contro le inglesi non ha mai dato il meglio, ma nonostante questo limite tattico Gervinho trova la sua utilità prima cercando di perforare un confuso Zabaleta, e poi facendo la punta per far salire la squadra.

Totti 7.5, Tralasciando un gol che poche persone al mondo possono solo pensare nella propria testa, il che lo rende il più anziano marcatore della Champions League, il Capitano conferma una forma fisica eccezionale. Più va avanti con gli anni e meno tempi di gioco utilizza per creare magia, come l’assist per la traversa di Maicon. Dal 71′ Iturbe 6, Entra per fare il terzino in difesa e lo fa bene

Florenzi 6.5, Sandrino viene schierato da Rudi con la consapevolezza che ci sarà da soffrire sulle fasce. Lui risponde andando sempre a raddoppiare su Navas e creando molti pericoli da quel lato, anche se davanti, a causa di ciò, si vede molto poco. Dall’82’ Holebas SV

Filippo Grillo