Il Tornatora

Mail e guai. E Lippie alla fine chiese scusa

di Redazione

Ed Lippie non se ne è reso conto, ma in realtà involontariamente ha trasformato la Roma nel “Trono di Spade”. In apparenza, puro medioevo degli intrighi, visto che la sua famigerata mail, è stata vista come una sorta di delazione autorizzata sui mali giallorossi. Il prossimo anno Lippie avrà un ruolo importante nella preparazione fisica dei capitolini. Come farà a interfacciarsi con qualcuno? Chi potrebbe mai confidarsi con l’uomo del presidente dalla mail più veloce del West? Il problema deve esserselo posto anche lui e al suo ritorno a Trigoria chiese scusa ad alcuni di coloro che erano stati coinvolti nel suo lavoro. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.