Lotito Claudio

ROMA – Claudio Lotito tifa Napoli. Lo ammette ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli a due giorni dalla sfida di ritorno di Coppa Italia che decreterà chi tra azzurri e Roma accederà alla finalissima del prossimo 3 maggio: «Napoli-Roma? È una partita aperta. Per chi farò il tifo? Diciamo che i colori sono gli stessi. Se il Napoli gioca come ha fatto ultimamente ha delle chanches di passare».

LOTITO SUL DERBY E REJA-GARCIA – Lotito analizza poi il derby tra Lazio e Roma, finito per 0-0: «Quella contro i giallorossi è stata una partita combattuta, molto fisica, dove la Lazio ha avuto occasioni importanti non concretizzate come, ad esempio, quella di Onazi. Il pareggio è comunque un risultato giusto viste le dinamiche di gioco espresse nei 90 minuti. Diatriba Reja-Garcia? Su Reja è stato creato un caso che non corrispondeva alla verità. Ha fatto una semplice battuta. Appena abbiamo capito che era stata male interpretata, il tecnico ha fatto una dichiarazione di scuse in cui spiegava che non era sua intenzione auspicare degli infortuni ai calciatori della Roma. È stato fuori luogo tornare sul discorso nel post partita di ieri. Come ho visto la Roma? È una squadra determinata con una rosa di qualità e agonisticamente forte; una compagine che vuole raggiungere ad ogni costo i suoi obiettivi. Credo che, sinora, siano riusciti a massimizzare i risultati in funzione delle loro potenzialità. I meriti di Reja? Ha riportato degli equilibri nella squadra».

SU HERNANES – Chiusura con un retroscena sull’interesse del Napoli per Hernanes: «Se il brasiliano è stato vicino al Napoli? De Laurentiis lo voleva quest’estate ma il presidente azzurro ha offerto cifre che noi non ritenevamo consone al valore di mercato del giocatore e, in più, all’epoca confidavamo nel rinnovo di contratto. Aggiungo che Hernanes non era neanche molto convinto riguardo la destinazione Napoli. Lui ha voluto fortemente l’Inter perché, già quando lo prendemmo, i nerazzurri lo volevano».

corrieredellosport