Il Tornatora

Figc, Fabbricini è il commissario straordinario. Malagò quello della Lega di Serie A – FOTO e VIDEO

di Redazione

Pagine Romaniste (D.Moresco) – A causa della mancata elezione del presidente della Figc, la Giunta del Coni si riunirà oggi, in via eccezionale, per commissariare i nuovi componenti della Federcalcio. A presidiare come sempre ci sarà Giovanni Malagò, che sta valutando se agire o meno in prima persona per risollevare la Federazione dallo stallo in cui si trova. Il commissariamento durerà almeno un anno, per permettere ai dirigenti scelti di riorganizzare e far ripartire il mondo del calcio italiano.

LIVE

Ore 17:40 – Termina la conferenza stampa.

Ore 17:15 – Adesso i giornalisti presenti porgono alcune domande:

A Fabbricini: La riforma dei campionati è credibile o è una missione impossibile?
E’ uno dei vassoi sul buffet. Qualche proprietà come quella del tecnico sarà stasera, le altre domani mattina. Decideremo con velocità e ponderatezza.

A Malagò: Temi che la convivenza dei tuoi due ruoli possa crearti problemi?
Quel rischio c’è. Vediamo che cosa riusciamo a fare per evitarlo.

A Costacurta: Quali sono le priorità della base del nostro calcio?
E’ un discorso molto ampio. Si possono fare controlli in Lega Pro. Mi preme tantissimo andare a capire il perché. In una partita che ho visto c’erano in Primavera davvero dei bellissimi giocatori italiani. Devo capire perché la transizione dall’adolescenza all’essere adulto non funziona. Ne voglio parlare con gli altri, è un passaggio fondamentale per far crescere i ragazzi.

A Fabbricini: Coinvolgerà Sibilia, Tommasi e Gravina?
Qualunque discorso passerà anche da loro. Troveremo delle convergenze per superare le divergenze.

A Costacurta: Come dovrà essere il nuovo c.t.?
Serve un selezionatore, dopo il lavoro di Conte agli Europei. Credo che si dovranno valutare le persone, i nomi sono quelli. Siamo i migliori al mondo, come chef, allenatori e ricercatori siamo i migliori.

A Costacurta: Si aspetterà luglio per il c.t.?
Sicuramente i nomi sono quelli e sono persone che con me hanno condiviso partite di club e di nazionali. Con Mancini ho vinto, giusto per fare un nome tra i papabili. Bisogna cominciare a muoversi ed quello che farò nel più breve tempo possibile sarà andare a parlare con loro.

A Malagò: Che c’è al primo punto della sua agenda?
Vediamo a che punto sarà il bando per i diritti televisivi. Poi c’è il tema statuto e governance che si è arenato.

A Malagò: Che cosa ha pensato quando all’Hilton hanno detto “Questa è casa nostra”?
Hanno ragione, nessuno vuole disconoscere questo. Il problema è che se non sei in grado di aprirla o chiuderla non ci posso fare niente, li avevo avvisati. Quella è casa loro e deve tornare ad esserlo.

A Malagò: Come verrà accolto dai Presidenti di Serie A?
Io penso di essere accolto bene, non vedo il motivo per cui non debba accadere. Ho un rapporto di amicizia e d’affetto con la maggior parte di loro. Se la situazione si risolve in breve tempo ne sarei felice. C’è la massima collaborazione, non ho pregiudizi e penso sia giusto questo tipo di impatto.

A Malagò: Anche il suo ruolo in Serie A durerà sei mesi?
Per Statuto non si può fare più di sei mesi. Se fossero pochi si dovrà prorogare con una nuova giunta. Ci sarà un analogo periodo per la Lega. Auguriamoci di non utilizzarlo per lo stesso periodo.

A Fabbricini: Quali sono le prime urgenze per la Nazionale di calcio?
Le priorità sono queste. Già da domani metteremo alcune tematiche, con alcune priorità, tra cui le due amichevoli della Nazionale. Pensiamo di provvedere e ci servirà l’esperienza di Costacurta. Le partite sono un allacciamento dell’opinione pubblica con la Nazionale. E’ una priorità dare una panchina a questa Nazionale, per poi dare un’impalcatura a tutto il settore tecnico.

A Malagò: Perché questa scelta di mettersi nella Lega di Serie A?
E’ un insieme di cose. Non voglio nascondere il Coni dietro questa responsabilità. Non si può risolvere il commissariamento della Figc se non si risolve quello della Lega di A. Le caratteristiche di Roberto sono queste, le mie sono altre.

Ore 17:10Malagò prende la parola dopo essere stato scelto come nuovo commissario della Lega di Serie A:

Ho scelto Corradi perché serviva una persona pulita. E’ un calciatore ed un allenatore, ma Corradi è il numero due della Nazionale Under 17 di calcio. Una persona come lui può raccontare le esigenze dei giovani. C’è da parlare delle seconde squadre ed il suo ingresso è un valore aggiunto“.

Ore 17:00 – Giovanni Malagò sarà il commissario straordinario della Lega di Serie A. Paolo Nicoletti e Bernardo Corradi saranno i due subcomissari.

Ore 16:57 – “Potete capire la mia soddisfazione. E’ un grande onore, voi mi conoscete: essere al servizio dello sport e’ sempre stata la mia peculiarità“. Queste le parole di Roberto Fabbricini, commissario straordinario della Figc. “Devo dire grazie alla Giunta del Coni che mi ha espresso tanta fiducia e tanta stima, che ho sempre avvertito in questi cinque anni al fianco di Giovanni Malagò – ha dichiarato il segretario generale del Coni – Avrò bisogno dell’appoggio e dell’esperienza di tutti. Rinuncio alla Corea, quasi integralmente e questo per me vuol dire qualcosa, ma la fiducia ricevuta dalla Giunta mi aiuta“.

Italpress

Ore 16:55 – “Abbiamo la coscienza a posto“: così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, in conferenza stampa, prima di annunciare la nomina di Roberto Fabbricini commissario straordinario della Figc.Non sarebbe stato serio se io avessi cambiato i miei programmi, tra Olimpiadi imminenti, Cio e sponsor, per assumere questo incarico e rappresentare la giuste istanze del calcio“. Il commissariamento, ha fatto sapere Malagò, “durerà sei mesi e al momento non sappiamo se saranno sufficienti o dovremo prorogarliRitengo che questa sia la strada migliore, quella giusta. Il criterio è chiaro: queste persone hanno un connotato, nessuno ha ruoli precedenti con la Figc. C’è una discontinuità con la governance e sui nomi la Giunta ha dato mandato pieno, condiviso e compatto. Dobbiamo evitare – ha aggiunto Malagò – che quando si concluda questo commissariamento, si possa rischiare di far ritrovare Figc in situazioni analoghe a questa“.

Ansa

Ore 16:50 Il commissariamento della Federcalcio durerà sei mesi. Lo ha deciso la Giunta straordinaria del Coni.

Ore 16:35 – E’ Roberto Fabbricini, segretario generale del Coni, il commissario straordinario della Figc dopo la mancata elezione del presidente federale. Billy Costacurta e Angelo Clarizia sono i due subcomissari della Figc che lo affiancheranno: li ha nominati la giunta esecutiva del Coni.

Ansa

Ore 16:30 – Inizia la conferenza stampa.

Ore 16:20 – Tra pochi minuti inizierà la conferenza stampa. Presente anche Alessandro Costacurta.

Ore 14.55 – Arriva il Presidente del CONI Giovanni Malagò dopo Franco Carraro e Franco Chimenti vice presidente vicario Coni. Queste le parole di Chimenti:

Tra poco saprete la situazione“.

Le sue sensazioni?
Ottime (ride, ndr).

Il mondo del calcio non ha voluto capire che si doveva trovare una soluzione…
Evidentemente non era facile, ma io penso che si arriverà ad una cosa che sarà definitiva.

Lei conosce il mondo del calcio, si è stupito?
No. Alla fine ci sono valutazioni diverse che si ricomporranno.

Era inevitabile il commissario?
Penso di si, è apparso evidente.

Ore 14.50 – La Giunta Nazionale è l’organo di indirizzo, esecuzione e controllo dell’attività amministrativa del CONI; esercita il controllo sulle Federazioni sportive nazionali e Discipline sportive associate – e, attraverso queste, sulle loro articolazioni interne – e sugli Enti di promozione sportiva.

La Giunta Nazionale è composta:
a) dal Presidente del CONI, che la presiede;
b) da dieci rappresentanti delle Federazioni sportive nazionali e delle Discipline
sportive associate, tre dei quali eletti fra gli atleti e tecnici sportivi, in possesso
dei requisiti previsti dall’art. 35 del presente statuto;
b1) da un rappresentante nazionale degli Enti di promozione sportiva;
b2) da due rappresentanti delle strutture territoriali del CONI, di cui uno regionale e
uno provinciale;
c) dai membri italiani del CIO