Gnoukouri gioca pure con la Roma. Il Mancio investe sul futuro verde

di Redazione

inter-gnoukouri

La Gazzetta dello Sport (L. Taidelli) – SABATO ARRIVA LA ROMA Per l’Inter sarà l’occasione di battere finalmente una grande. Dopo la squalifica scontata nel derby,tornano Brozovic e Guarin. Ma questo non rimanderà in panchina Assane Gnoukouri. Roberto Mancini sta seriamente pensando di confermare il ragazzo, che tra l’altro contro i giallorossi avrebbe la possibilità di muoversi sulle zolle preferite.

LE SUE ZOLLE – Con la Primavera di Stefano Vecchi infatti il baby ivoriano gioca davanti alla difesa in un 4-3-3. Visto che stavolta il giudice sportivo ha appiedato Gary Medel, tocca al centrocampista che ha stregato tanti interisti. Massimo Moratti in primis. «Gnoukouri mi ha fatto un’ottima impressione – spiegava lunedì l’ex patron – ha tenuto il campo come un veterano, limitandosi alle cose semplici ma più efficaci, quando invece poteva starci la tentazione di strafare». Assane ha convinto pure i compagni e Mancini, che lo riproporrà anche perché questa è la filosofia con cui cercherà di gestire questo finale di stagione.

CAPIRE CHI E’ DA INTER – Le ultime sette gare di campionato infatti gli serviranno in tutti i sensi per capire chi è da Inter. Questo vale tanto per alcuni giocatori in bilico quanto per quei giovani che potrebbero completare la rosa 2015-16. Mancio vuole almeno 3-4 top player di personalità che trascinino il gruppo, ma sa bene che a fronte di diverse uscite bisognerà anche puntare su qualche prospetto, sperando che «esploda». Questo è un input che è stato dato anche in chiave mercato, ma in giro c’è poco da scoprire e i 18enni di talento, che restano una scommessa, sono comunque cari.

GLI ALTRI BABY – Allora perché non credere anche in chi hai già in casa? Ecco perché da qui al 31 maggio – soprattutto se il sesto posto si confermasse una missione impossibile – non c’è da stupirsi se il campo lo vedranno anche i vari Puscas, Camara, Palazzi, Dimarco ecc. Sabato intanto tornerà Davide Santon. Ma lui (24 anni) ormai è un vecchio…