Gli inquirenti: “I consulenti di Parnasi scelti per le entrature al ministero”

di Redazione

All’interno dell’inchiesta spunta più volte il nome di Paolo Carpentieri, capo dell’Ufficio legislativo del Mibact, dimessosi ieri dal suo incarico. Come riporta il quotidiano La Repubblica, il consigliere di Stato avrebbe redatto due pareri funzionali alla buona riuscita dell’iter, secondo la procura dopo essere stato avvicinato da due avvocati ingaggiati da Parnasi. Carpentieri, infatti, era stato tirato in ballo dopo che il soprintendente speciale all’Archeologia, belle arti e paesaggio di Roma, Francesco Prosperetti, aveva favorito l’archiviazione della proposta di vincolo culturale sull’ippodromo. «A seguito della mediazione di Amorosino, suffragato da San Mauro. Carpentieri è intervenuto emettendo un parere giuridico favorevole a Parnasi, destinato a supportare il rigetto del ricorso della direzione generale, consentendo, altresì, agli interessati una partecipazione diretta all’iter amministrativo».