Il Tornatora

Giovani, bassi costi e nuovo stadio: così Pallotta progetta la rinascita

di Redazione

La Roma spiega le sue verità partendo da 4 punti cardine: la dirigenza non cerca il facile consenso, gli investimenti sono stati ingenti, la proprietà è pronta a ricapitalizzare e il nuovo stadio è indispensabile per la competitività. E’ stata ribadita la correttezza nel fare plusvalenze e c’è da ribadire che come ogni anno ci sarà una cessione importante. Il mantra per il futuro sarà acquistare giocatori fino a 27 anni, da prendere in prestito se esperti con un ingaggio sostenibile. L’obiettivo virtuoso è quello di non avere coperto il 100% del fatturato e scendere quasi al 75% e qui torna in ballo lo Stadio. Inoltre il tema della romanità si declinerà soltanto se unita alla bravura e non come valore di per sé. Ora Petrachi gestisce le scelte concordate con Fonseca, Fienga approva in relazione ai conti e Baldini le spiega a Pallotta per l’ok. Il ruolo del consulente è ancora decisivo visto che 2-3 cessioni sono state affidate a lui. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.