Pagine Romaniste (Y.Oggiano) – Con la partenza di Edin Dzeko verso la Juventus sarebbe stato il capitano della Roma per questa stagione, ma si dovrà “accontentare” del ruolo di vice. Lorenzo Pellegrini è un punto centrale della rosa giallorossa, i Friedkin ci puntano molto e anche lo stesso Fonseca che potrebbe avergli dato una nuova libertà arretrando la sua posizione accanto a Veretout. Il numero 7 è il terzo, a pari merito di Perotti e lo stesso francese, per valutazione nella Roma in FIFA 21. Nessun cambiamento rispetto a FIFA 20, per quanto riguarda l’overall, ma piccoli aggiustamenti che lo rendono leggermente più forte dello scorso titolo.

LA CARTA

Partiamo dalla classica velocità che aumenta di uno: da 74 a 75. Pellegrini non è mai stato un fulmine in campo e questo valore rispecchia quello che si vede nel rettangolo verde di gioco. Migliora sensibilmente il tiro che da 68 arriva a 71. Anche qui possiamo essere d’accordo su quanto fatto dalla EA Sports. Il centrocampista fatica a segnare, ma è dotato comunque di un buon calcio che sfrutta molto poco durante le partite, affidandosi spesso all’assist. Proprio per questo schizza in alto anche il passaggio che scollina il valore 80, 81, lasciando alle spalle un 79. Aumentano tutti i punti, dalla visione, al passaggio corto fino ad arrivare a quello lungo. Identiche le valutazioni di dribbling, difesa e fisico. Cambia qualcosa in un paio di voci, ma niente di clamoroso.

Lo stile intesa da usare, se lo vogliamo mettere come trequartista, è “regista” così avremo aumentati i punti in tiro, passaggi e dribbling. Tutto sommato è una carta equilibrata che in FIFA 20 ha avuto il suo exploit con il “Team of the Season“. Quest’anno la strada sarà più lunga, anche per conquistare un semplice “In Form“, ma Pellegrini ha tutte le qualità per avere altre versioni speciali e crescere sempre di più.