Dal 28 aprile 2018, Edin Dzeko non ha più segnato una rete all’Olimpico in campionato. Quel 28 aprile arrivò una doppietta realizzata a spese del Chievo (4-1 il finale) e poi più nulla. Almeno fino a domani, quando ricomincerà la caccia casalinga contro il Bologna. Dal quel giorno  è andato in gol altre 11 volte, ma tutte rigorosamente divise: in casa solo reti per la Champions League (6: Liverpool, tripletta al Viktoria Plzen e doppietta Cska Mosca), in trasferta solo gol per il campionato (5: Torino, Empoli, doppietta all’Atalanta e Chievo). Quanto basta per provare ad esorcizzare questa malia contro la squadra di Mihajlovic e diventare leader giallorosso. Olimpico o meno, però, i soli 5 gol in campionato realizzati finora (più altri 5 in Europa) sono troppo pochi per uno come lui, che nella scorsa stagione aveva chiuso con 24 centri: 16 in Serie a e 8 in Champions. Tutto questo, senza neppure evocare la straordinaria annata 2016-17, quando le reti realizzate furono addirittura 39, di cui 29 in campionato, cosa che consentì a Dzeko di vincer la classifica cannonieri della Serie A. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.