Il Tornatora

Dzeko, il bene è in comune

di Redazione

L’estate calda di Dzeko, cominciata col muso lungo e la voglia di andare all’Inter, è finita con sorrisi e una fascia di capitano: quella della Roma. Non solo, si è aggiunto un contratto pluriennale e onerosissimo in tasca, una moglie soddisfatta e un’idea di finire la carriera nella Capitale. A cose fatte Conte era furibondo, per lui fu alto tradimento visto che era da un po’ che lo corteggiava. Il voltafaccia di Edin è figlio della strategia della Roma, di Petrachi, e delle pressioni di Fonseca. A Trigoria non poteva arrivare un centravanti migliore di Dzeko, per costi e in rapporto alla qualità. Lo sforzo andava fatto ed ecco la risposta allo stipendio alto. Conte ha spinto finché ha potuto, ma Dzeko ha fatto felice Fonseca, molti tifosi della Roma, i suoi compagni di squadra e anche un po’ l’Inter che ora si sta godendo Lautaro. Lo riporta Il Messaggero.