di livio

Decimo appuntamento col diario americano di Lorenzo Di Livio. Oggi il calciatore ci parla della partita contro il Liverpool che però non lo ha visto protagonista. Queste le sue parole:

Siamo al decimo appuntamento con il mio diario del  Roma Tour. Un saluto a tutti i tifosi giallorossi da Lorenzo Di Livio! Ieri abbiamo svolto la prima sfida di lusso di questa preparazione estiva: l’amichevole contro il Liverpool. Dopo un risveglio muscolare svolto in mattinata, alle 18:00 abbiamo tenuto la riunione tecnica con il mister e lo staff. Ci hanno fatto una panoramica della gara e ci hanno chiesto di fare attenzione a gestire l’equilibrio del match, soprattutto a centrocampo, dove era necessario che ciascuno spartisse bene i propri spazi con i compagni di reparto. Al nostro arrivo al Busch Stadium c’è stata davvero una bella accoglienza. L’atmosfera era davvero come mi aspettavo: molto suggestiva e diversa rispetto ai nostri stadi. Penso che il pubblico si sia divertito assieme a noi. Non ho giocato, ma per noi giovani è comunque molto importante vedere certe partite a bordo campo. La viviamo di più rispetto agli spalti: riusciamo ad ascoltare quello che viene detto, tutti i consigli dell’allenatore, il rumore del pallone, le urla della gara. Fortunatamente abbiamo vinto 2-1, grazie alle reti di Dzeko e Salah e secondo me il risultato è davvero meritato: la Roma ha fatto qualcosa in più rispetto al Liverpool. Ho avuto la possibilità di vedere d a vicino Coutinho e Sturridge. La rapidità del brasiliano mi ha davvero impressionato, così come la sua qualità tecnica: credo sia paragonabile a quella delle leggende della storia del calcio. Alla fine ci hanno regalato un cappellino dei Cardinals, assieme a una palla da baseball: un ricordo molto gradito, l’ho già indossato e lo conserverò con cura. Ora vi saluto, si decolla per Montreal: a domani!“.

https://www.instagram.com/p/BInPHoxB-AT/?taken-by=officialasroma