Il Tornatora

Di Biagio: “Pellegrini è il centrocampista più forte d’Italia. La Roma sta facendo un percorso giusto, una partita non cambia il giudizio”

di Redazione

Luigi Di Biagio, ex commissario tecnico della Nazionale italiana Under 21, ha parlato ai microfoni di Centro Suono Sport nel corso della trasmissione Te la do io Tokyo. Queste le sue parole sulla partita di ieri tra Roma e Atalanta e sui giovani giallorossi:

Qual è il reale peso della Roma visto questo inizio di campionato? 
Penso bisogni fare dei discorsi diversi. La Roma sta facendo un percorso giusto, una partita non può modificare il giudizio.

Come mai la Roma ieri ha cambiato modulo? 
Io ho la sensazione che Fonseca avesse preparato il cambio modulo al decimo del primo tempo per togliere i punti di riferimento all’avversario. Ci sono allenatori che iniziano con un modulo diverso per qualche minuto per sorprendere l’avversario per poi tornare dopo 10-15 minuti al modulo classico.

Non è stato un azzardo allora? 
Ha cercato di sorprendere un avversario che di solito imposta la partita sull’avversario, purtroppo il risultato non è stato positivo. Ieri ho visto una squadra un po’ più stanca, non abituata a giocare ogni tre giorni.

La Roma ieri ha faticato ad uscire anche palla al piede? 
Ormai tutti ti vengono a prendere alti, non è facile uscire palla al piede dall’area di rigore. Lanciare il pallone avanti non è sempre un male, se fatto con criterio va bene, serve per uscire da una situazione di pressing.

Zaniolo e Lorenzo Pellegrini come li sta vedendo con Fonseca? 
Vi posso dire che Zaniolo per me è un classico trequartista o mezzala, fatica a fare il quarto, però capisco Fonseca che volendo mettere tutti i giocatori più forti in campo lo adatta a destra. Niccolò lo sto vedendo bene, sta tornando allo stato di forma che aveva un anno fa. Pellegrini per me è il centrocampista più forte d’Italia, nonostante ieri non abbia fatto una grandissima partita.

Come mai non riescono a trovare continuità? 
Lorenzo quest’anno sta avendo una continuità incredibile. Secondo me a Roma siamo troppo severi nei giudizi con lui, è forte forte questo ragazzo. Se un giorno, speriamo mai, dovesse andar via, ci renderemo conto di che giocatore è.

La Roma ieri ha faticato ad uscire anche palla al piede? 
Ormai tutti ti vengono a prendere alti, non è facile uscire palla al piede dall’area di rigore. Lanciare il pallone avanti non è sempre un male, se fatto con criterio va bene, serve per uscire da una situazione di pressing.

Le piace Veretout-Cristante come centrocampo? 
Veretout è un giocatore che dà equilibrio, mi piace. Poi anche qui, a Bologna ha giocato bene e ieri un po’ meno, dopo Bologna veniva descritto come fenomeno e oggi come un giocatore scarso, ci vuole equilibrio.

Qual è il modulo che esalta più Mancini? Meglio la difesa a tre o a quattro? 
Può giocare sia a tre che a quattro. Da lui mi ha aspetto sempre qualcosina in più, ora è a Roma e deve osare. Io voglio bene a questi ragazzi perché li ho allenati tutti: Zaniolo, Pellegrini, Mancini, Zappacosta, Spinazzola. Spinazzola purtroppo ha avuto un infortunio che lo ha tenuto fuori tanto e ora ne sta risentendo, ma è normale. Quando rientrerà in forma non ce ne sarà per nessuno.