Il Tornatora

Di Biagio: “La Roma ha puntato sul gioco ed ora comincia a vedere i frutti. Dzeko non era più lui perché era stanco”

di Redazione

La Gazzetta dello Sport (A.Elefante) – La nascita, la crescita, la maturità: Lazio, Roma, Inter. Tre squadre, più di metà della vita calcistica di Gigi Di Biagio: oggi si sfidano per un atterraggio morbido sulla prossima Champions League. Volatona, una è di troppo: abbiamo chiesto al c.t. azzurro ad interim di guardare dall’alto il suo passato e aiutarci a capire chi. Non ci ha dato la risoluzione del rebus: solo ipotesi di calcoliTerza e quarta o quarta e quinta potrebbero arrivare a pari punti») e possibili soluzioni. Una su tutte: aspettare le prossime due partite, che diranno tanto all’Inter e faranno parlare il derby di Roma. Forse la sera del 15 aprile, a sei tappe dal verdetto, sarà già tutto più chiaro. Forse.

Di Biagio, un motivo a testa per sperare di arrivare fra le prime quattro…
«L’Inter ha ritrovato la condizione fisica migliore al momento giusto: adesso è un fattore che può fare la differenza. La Lazio delle tre è stata la più continua: pochi alti e bassi, dall’inizio. E nonostante abbia giocato tante partite, l’altra sera con il Salisburgo l’ho vista ancora benissimo. La Roma, che ha puntato da subito sul gioco, dopo aver insistito a costo di prendere qualche schiaffo comincia a vedere i frutti del suo lavoro. E poi potrebbe avere un alleato nel calendario».

Ecco, appunto: lo leggiamo?
«All’ultima c’è Lazio-Inter: per la Roma è come avere una partita in più e sarebbe divertente se dovesse ritrovarsi a tifare Lazio, visto che con l’Inter è anche in svantaggio negli scontri diretti. Però molto dipenderà dal derby, che la Lazio può solo vincere e la Roma proverà a vincere ma può accontentarsi di non perdere».

Un possibile punto debole di ognuna?
«Per l’Inter sbagliare le prossime due: invece di essere una spinta, in quel caso possono diventare un peso. Idem il derby per la Roma: in sei giorni uscire dalla Champions – speriamo in un miracolo, ma è dura – e inciampare con la Lazio sarebbe una brutta botta. La “nemica” della Lazio sarebbe in realtà un’amica, si chiama qualificazione alla semifinale di Europa League. Ovviamente ci speriamo tutti ma in campionato, dove non può permettersi di sbagliare una partita, la squadra di Inzaghi potrebbe risentirne un po’: questione di concentrazione, di energie».

L’uomo in più?
«Faccio nomi scontati, ma dire che decide sempre chi fa gol non è così banale anche se può sembrarlo: Icardi, Immobile e Dzeko, che ho rivisto ai suoi livelli migliori».

Tre centravanti per tre perché: perché Dzeko non era più lui?
«Perché era stanco: ha giocato troppo, ma Di Francesco deve aver fatto un ragionamento semplice semplice: meglio lui al 50% che lui fuori».

Il possibile uomo sorpresa?
«Nella Roma dico, anzi spero, Pellegrini: sta giocando un grande campionato, ma sono sicuro che non abbiamo ancora visto il meglio. E vi dico che può segnare gol importanti anche per questa volata. Se chiamo sorprese Gagliardini e Milinkovic mi sembra fargli un torto. Diciamo che uno si sta ritrovando dopo un periodo un po’ così ed è un bene anche per la Nazionale, non solo per l’Inter. E l’altro, superato l’infortunio, ha otto partite per confermarsi quello che credo sia: classe, potenza, intelligenza, ovvero il miglior prototipo di giocatore moderno del nostro campionato».