Il Tornatora

Champions. Urlo Kolarov: “Roma, adesso servono due grandi match”

di Redazione

Due anni e due giorni fa Aleksandar il mancino non era poi così lontano da Anfield. Trequarti d’ora in auto, salvo traffico: eccoci a Manchester, semifinale di Champions League. No, non ci siamo confusi. Aleksandar il mancino il 26 aprile 2016 si preparava a City­-Real Madrid, il momento teoricamente più frizzante della sua carriera. Due anni fa, tra andata e ritorno, Kolarov – riporta La Gazzetta dello Sport – non giocò neppure un minuto, il Real Madrid lo vide con il binocolo, la finale manco a parlarne, al massimo in tv. «E ora viene il bello… ma anche il difficile, sia chiaro», dice col solito sguardo che gioca a fare il duro. Speciale è pure Anfield, che Aleksandar conosce bene. «Questo stadio è particolare, è vero – fa Kolarov. Ma siamo in semifinale, ci siamo arrivati con merito, non siamo qui mica per caso».