Il Tornatora

Buon anno Roma: «Tutti compatti»

di Redazione

PR

Il Corriere dello Sport (R.Maida) – Ecco la Roma: incompleta e squilibrata, ma stimolata dal futuro e compatta, come testimoniano le frasi delle ultime ore pronunciate da Pallotta e Spalletti. La squadra si raduna oggi a Trigoria per un giorno e mezzo dedicato alle nuove conoscenze e soprattutto alle visite mediche, condizione necessaria per l’attività agonistica. «L’allenatore adesso è il dottor Del Vescovo» ha scherzato Spalletti, che dovrebbe raggiungere i suoi allievi (per ora sono trentuno) stasera. Domani pomeriggio, quando tutti i calciatori avranno completato i test, è previsto il primo allenamento. Sabato mattina invece si parte in treno per Pinzolo: alta velocità fino a Trento, poi il trasferimento in pullman nella Val Rendena.

LE NOVITA’ – Sono quattro i giocatori completamente nuovi: oltre ai noti Alisson (atterrato dal Brasile poco dopo l’alba, per lui maglia numero 19), Gerson e Seck, si è aggiunto all’ultimo momento anche Mario Rui, sbarcato ieri pomeriggio a Ciampino con un volo di linea da Lisbona. Appena sceso dall’aereo ha indossato una sciarpa della Roma e ha confessato di essere molto emozionato per la nuova avventura: «Certi giocatori, come Totti, li vedevo in televisione quando ero bambino. Ora posso giocare con un campione come lui, è bellissimo. Per me è davvero una gioia giocare in questa squadra». All’Empoli andranno 3 milioni per il prestito più 6, da pagare l’anno prossimo, per il riscatto obbligatorio. Mario Rui invece firmerà oggi un contratto di quattro anni da 900.000 euro più i bonus.

LA COMITIVA – Del gruppo romanista, a sorpresa, fa parte anche lo slovacco Gyomber, eliminato il 26 giugno dalla Germania: ha rinunciato a una parte delle vacanze per mettersi subito a disposizione della Roma. Già una volta Spalletti aveva elogiato Gyomber per la professionalità e l’attaccamento alla maglia: «E’ da portare a esempio, come uomo e come calciatore. De Rossi si è attaccato una foto di Gyomber sull’armadietto perché lui ha fatto una cosa che non avrebbe mai fatto nessuno, cioè giocare con una frattura. Me ne ricorderò…». Successe a Reggio Emilia contro il Sassuolo, in una delle prime serate felici della nuova gestione. Eppure Gyomber, sei presenze per un totale di 93 minuti, non ha più giocato da quel giorno. Riscattato dal Catania, è destinato ad andare via nelle prossime settimane.

FUORI – Sono tanti gli esclusi dalle convocazioni: oltre a Ljajic, che sta per firmare per il Celta Vigo, rimane a casa Iago Falque, pronto a passare al Torino. E anche altri giocatori sotto contratto: i difensori Crescenzi e Golubovic, l’attaccante Verde, i giovani campioni d’Italia Primavera Capradossi e Machin. Non partono per Pinzolo perché non rientrano nei piani della società e potrebbero presto essere ceduti.

GLI INFORTUNATI – Sono invece stati inseriti nella lista i tre infortunati: Rüdiger e il giovane terzino nigeriano Nura, tutti e due convalescenti dopo la rottura del legamento crociato, e il portiere Skorupski, operato al gomito nella parte finale del campionato. La Roma ha deciso di seguirne i progressi quotidiani anche a Pinzolo. Skorupski poi tornerà all’Empoli, per onorare il prestito biennale pattuito nell’estate 2015.

IL RITORNO – Uno dei giocatori che più incuriosiscono è Federico Ricci, esterno offensivo esploso nel Crotone, proprio come Florenzi 4 anni fa: gli 11 gol in Serie B, oltre ad aver spinto i calabresi per la prima volta nel paradiso del calcio italiano, lo hanno proiettato nella nazionale Under 21. Ricci ha molte offerte ma potrebbe anche tornare utile alla Roma, essendo un italiano formato nel vivaio. Ha già debuttato in A nella prima stagione di Garcia.