Sinisa Mihajlovc, allenatore del Bologna, è intervenuto in conferenza stampa ed ha parlato della malattia che lo affligge. Queste le sue parole:

Siccome ero geloso che Walter aveva tutti intorno i dottori, allora gli ho rubato la scena…(ride, ndr). Ho chiesto questa conferenza stampe e riservatezza perché volevo dare per primo la notizia, ma visto che non tutti hanno rispettato la mia volontà per vendere qualche copia in più, questo mi dispiace…Purtroppo o per fortuna ho fatto alcuni esami dove si sono scoperte alcune anomalie che 4 mesi fa non c’erano. Lo dico una volta per tutte, poi voglio privacy per me e la mia famiglia. Inizialmente ho detto a mia moglie che avevo la febbre, quel giorno ho fatto alcuni test che hanno evidenziato una leucemia. Quando me l’hanno detto ho preso una bella botta, sono stato due giorni chiuso in camera a riflettere e piangere, ti passa davanti tutta la vita…(si commuove, ndr). La affronto con il petto in fuori, non vedo l’ora di cominciare, è in fase acuta ma attaccabile: ci vuole tempo ma si guarisce. Ho spiegato ai giocatori come bisogna affrontarla: bisogna affrontarla con coraggio, pressare e fare gol, devo usare la tattica. Sicuramente vincerò questa sfida per me e per la mia famiglia, non ci sono dubbi“.