Il Tornatora

Bastos: “Obiettivo minimo la Champions. Io punto in alto”

di Redazione

Bastos_asroma

Oggi alle 18.30 andrà in onda su Roma Channel un’intervista a Michel Bastos. Così la Roma, attraverso il proprio profilo Twitter ufficiale, introduce le dichiarazioni del giocatore brasiliano: “Obiettivo minimo la Champions, ma in quanto calciatore punto ad arrivare più in alto possibile. Anche allo Scudetto“.

Queste le parole di Bastos:

Come stai? Come ti trovi?
Tutto bene, perfetto. Sono felice. Sono arrivato in una grande squadra con grandi calciatori. Sto recuperando e sono fiducioso.

Perchè hai scelto la Roma?
Perchè è una grande squadra è il sogno di qualsiasi giocatore giocare in un grande campionato. Quando giocavo in Francia guardavo sempre il campionato italiano ed è un’occasione che non bisogna farsi sfuggire.

Pensavi di tornare in un campionato italiano di grande tradizione?
Quando si sceglie di andare a giocare in un campionato arabo a spingerti sono le motivazioni di natura econimica. Io ho 30 anni e mi sono reso conto di poter dare tanto ed è per questo che ho resistito per soli quattro mesi e poi sono tornato.

Pensavi di tornare dopo gli Emirati Arabi?
Quando vai a giocare li è soprattutto per motivi economici. Mi sono accorto presto che potevo ancora giocare ad alti livelli.

Hai debuttato al derby…
I derby sono delle partite che mi sono congeniali, ho fatto gol con il Lille contro il Lens. Partite sentite che ho sempre reso al meglio. Ho giocato poco tempo ma ho potuto far vedere qualcosa, sono contento di aver esordito in un derby.

Che ruolo preferisci?
Io sono arrivato qui per aiutare la squadra. Con la nazionale giocavo terzino, con il Lione e lo Schalke alto a destra. poi è chiaro nel Brasile ci sono marcelo e Dani Alves che sono offensivi. Ognuno ha la sua preferenza ma io la mia la tengo per me.

Come stai adesso fisicamente?
Fisicamente mi sento al 100%, il problema al braccio è superato. Mi manca solo il ritmo partita perchè erano due mesi che non giocavo e l’unica partita intera l’ho giocata contro il Napoli ed è meglio voltare pagina.

Quanto è cresciuto Pjanic?
Con Ojanic eravamo amici gia al Lione e spesso in contatto. Abbiamo stabilito un contatto quando sapevo di venire alla Roma. Trovare qui Pjanic molto piu esperto è motivo di soddisfazione. E’ una pedina fondamentale della nostra squadra. Ero contento di ritrovare Pjanic e ritrovarlo così ancora meglio.

Qual è l’obiettivo?
Dobbiamo cercare di finire al meglio la stagione. L’obiettivo primario è la Champions ma nessuno obiettivo ci è precluso. Il nostro obiettivo deve essere quello di pensare a noi, al nostro calcio. Abbiamo la possibilità di battere tutti. L’obiettivo minimo è la Champions, ma in quanto calciatore punto ad arrivare più in alto possibile. Anche allo Scudetto.