Il Tornatora

Agnello: “De Vito andava in pressing sul nuovo stadio”

di Redazione

Prima parte: inchiesta “Rinascimento”. Oggi il Tribunale del Riesame deciderà se annullare o meno gli arresti di Marcello De Vito, del Movimento 5 Stelle, presidente dell’Assemblea Capitolina. Ieri, intanto, sono emerse le dichiarazioni rese ai pm dei colleghi di De Vito: “Mi chiedeva informazioni sulle delibere in arrivo in aula, ma era una cosa usuale per gestire i calendari“, afferma l’assessore all’urbanistica Montuori. In generale le richieste: “non entravano nel dettaglio. Sostanzialmente erano orientate a capire se il procedimento stesse andando avanti o se si fosse per una qualsiasi ragione arenato“. È stato il turno poi di Alessandra Agnello, presidente della Commissione capitolina Lavori pubblici: “Per lo stadio della Roma io ho avvertito un certo pressing da parte di De Vito. Ricordo una riunione di maggioranza a cui partecipò. Notai che lui era particolarmente eccitato e sollecitava tutti ad andare avanti a votare favorevolmente. Non mi vengono in mente altre riunioni nelle quali si fosse mostrato così determinato nell’ottenere l’ok della maggioranza“. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.