Il Tornatora

Adesivi Anna Frank, l’ultima offesa ultrà: “Credevo fosse la figlia di Fantozzi”

di Redazione

La Repubblica (G.Scarpa) – «Pensavo fosse Mariangela, la figlia di Fantozzi. Non sapevo si trattasse di Anna Frank». All’ennesima tesi strampalata, fornita da uno degli ultras della Lazio, le urla del pubblico ministero si sono sentite anche nei corridoi della procura a piazzale Clodio: «Cosa? Ma lei scherza?». Il repertorio difensivo di 6 dei 14 supporter biancocelesti, indagati per istigazione all’odio razziale, dopo i fatti del 22 ottobre durante Lazio-Cagliari, è stato quanto mai variegato. La tesi di fondo, per tutti loro, è stata sempre la stessa: «Gli adesivi di Anna Frank con la maglietta della Roma non hanno nulla di xenofobo. Solo una presa in giro tra tifosi». È forse questa, l’unica via, per loro, per cercare di scrollarsi di dosso la pesantissima accusa dell’odio razziale. Eppure, certi argomentazioni difensive, sono apparse troppo eccessivi agli investigatori. Di certo i magistrati non l’hanno presa affatto bene.

Tuttavia la domanda che poco dopo si sono posti è questa: «Stanno cercando di prenderci in giro o sono realmente ignoranti?». Certo i dubbi restano. Per esempio, uno dei supporter biancocelesti ha spiegato candidamente che lui pensava si trattasse «di una comune bambina, non sapevo fosse Anna Frank. Si tratta di sfottò tra curve», ha ribadito. Alla domanda del magistrato «Che tipo di presa in giro può esserci con l’adesivo di una normale bambina che indossa la maglia della Roma?». Il tifoso non ha saputo dare alcuna risposta. Scena muta. Certo è che la Digos, in una dettagliata informativa mandata in procura dopo i fattacci del 22 ottobre, aveva individuato altri adesivi a sfondo antisemita appiccicati dai tifosi biancocelesti nel settore di solito occupato dai cugini giallorossi. Anche qui l’oggetto della derisione ha per protagonista un ebreo: «Romanista Aronne Piperno» (si tratta dell’ebanista ebreo del film Il Marchese del Grillo)”. «Con intento chiaramente denigratorio ponendo in essere una condotta di discriminazione e di incitamento all’odio», si legge nel capo d’imputazione relativo alla chiusura delle indagini. Insomma «Sfottò tra tifosi? Può darsi — riflettono gli investigatori — ma sempre a sfondo razziale».

Per questo adesso, l’aggiunto Francesco Caporale e il pm Erminio Amelio, si prenderanno qualche giorno e decideranno il da farsi. Andare verso il processo con una richiesta di rinvio a giudizio oppure verso l’archiviazione. La partita è aperta. Nel frattempo la procura ha chiesto il processo per Giuliano Castellino, leader del movimento ‘Roma ai romani’, e tre militanti di Forza Nuova arrestati il 28 settembre scorso per lesioni, resistenza e percosse a pubblico ufficiale in relazione agli scontri con le forze dell’ordine avvenuti il 28 settembre scorso in via Giovanni Porzio, al Trullo, dove la polizia municipale aveva avuto l’ordine di sgomberare una casa popolare dell’Ater per consegnarla a una famiglia di origine eritrea. Quel giorno tre agenti rimasero feriti. L’udienza di fronte al gup è stata aggiornata al prossimo giugno per un difetto di notifica nell’avviso di conclusione delle indagini.