Il Tornatora

Vecchi: “In estate l’affare Zaniolo faceva comodo a tutti…”

di Redazione

Stefano Vecchi, ex allenatore della Primavera dell’Inter, attualmente tecnico del Venezia, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport, nella quale ha parlato di Nicolò Zaniolo. Queste le sue parole.

Vecchi, la domanda nasce spontanea: com’è stato possibile sacrificare un talento del genere la scorsa estate?
A posteriori è facile parlare viste anche le prestazioni che sta facendo Nicolò. Però è anche giusto dire che la scorsa estate quell’operazione andava bene a tutti. L’Inter aveva bisogno di giocatori pronti per tornare subito competitiva per il vertice e giocare la Champions da protagonista. E nessuno poteva mettere in discussione un giocatore come Nainggolan. E poi la società aveva bisogno di fare delle plusvalenze per il fair play finanziario e oltre a Zaniolo nell’affare è entrato anche Santon, che ne ha portato una molto importante. La Roma è stata brava a crederci, anche se inizialmente credo lo avesse preso come comprimario…

Non crede sia stato un grosso errore venderlo?
Ripeto, in estate l’operazione era giusta per tutti. Oggi inevitabilmente per l’Inter è un rimpianto. Nicolò adesso è il futuro dell’Italia.