strootman-florenzi

Dopo l’allenamento di questa mattina a Melbourne, Alessandro Florenzi e Kevin Strootman si sono concessi ai tifosi della Roma, presso il Rebel Sport, dove si è svolto un evento Nike. Tanto il pubblico presente, che ha acclamato i propri beniamini giallorossi.

Queste le parole dei due giallorossi ad asroma.it:

Benvenuto Kevin, come stai fisicamente e come va il recupero?
Strootman: “Grazie, sto migliorando sempre di più. Devo comunque allenarmi molto per tornare con la squadra”.

Ti sei rotto un legamento?
S: “Ci sono stati dei problemi ma come saprete ho fatto un intervento e tutto è andato bene e mi sto allenando sempre di più per tornare con la squadra che è la cosa più importante”.

Eri mai stato qui in Australia?
S: “No, per me è la prima volta”.

Cosa ne pensi di questo paese?
S: “Non abbiamo ancora visto molto della città, ma soltanto la differenza di fuso che per ora è un piccolo problema per alcuni di noi. E’ comunque molto bello essere qui e allenarci. E’ la prima volta qui per tanti di noi”.

Sorpreso che ci siano così tanti tifosi che vi amano?
S: “Sì ed è sempre bella come cosa. Vedo un sacco di tifosi qui. Non so se ci sono italiani? Si li vedo! Ovunque andiamo abbiamo un sacco di fan quindi è bello vederlo in ogni paese. L’Australia è molto lontana ma ci conoscono comunque bene”.

Kevin siete stati in tv ieri e abbiamo avuto un sacco di telespettatori: hai visto per caso?
S: “No, non l’ho visto. Ma spero che domani a vedere la partita ne saranno altrettanti”.

Alessandro, eri mai stato qui prima d’ora?
Florenzi: “No, è la prima volta anche per me”.

Visto quanti fans avete?
F: “Sì e non mi aspettavo che potessero essere così tanti”.

Possiamo tradurre a Alessandro : “I love you mate!”
F: (ride) “Il calore dei romani si fa sentire in tutto il mondo e questa è sicuramente una cosa bella”.

Siete già stati a vedere lo stadio dove giocherete?
F: ” Ancora non l’abbiamo visto ma so che può contenere 110.000 persone. Sarà sicuramente un bellissimo spettacolo per noi e per i tifosi, sia nostri che del Real”.